Home Politica scolastica Esiste il tentativo di aggregare gli organici di alcuni Istituti

Esiste il tentativo di aggregare gli organici di alcuni Istituti

CONDIVIDI

Istituti d’Istruzione superiore, Istituti Comprensivi, Sezioni associate anche su Comuni differenti, dal 2017/2018 potrebbero avere un organico unico.

È uno dei punti che il Miur ha intenzione di introdurre con i prossimi organici 2017/2018, e ciò potrebbe avere delle conseguenze non di poco conto.

Icotea

Infatti se in un Istituto d’Istruzione Superiore ci sono ad esempio un liceo scientifico e un tecnico commerciale, mentre in passato, per la mobilità e la disposizione degli organici, ci sono sempre stati due codici meccanografici distinti e separati, dall’anno scolastico 2017/2018 ci potrebbe essere un solo codice meccanografico. Questa semplificazione dei codici meccanografici prelude a scenari completamente nuovi. Infatti con questa novità, che è propedeutica alla novità delle reti scolastiche di ambito, si potrebbe verificare l’opportunità di creare un organico aggregato tra i vari indirizzi scolastici sottostanti lo stesso codice meccanografico, con la conseguenza che i trasferimenti e l’assegnazione dei docenti ai posti e alle classi possa avvenire anche su più indirizzi e su più istituti.

Quindi un docente titolare di una data scuola, potrebbe essere utilizzato dal dirigente scolastico, su altro indirizzo di studi o addirittura anche sulla sezione associata alla scuola. In buona sostanza si potrebbe verificare, e sappiamo che questa è la volontà del Miur, che se un docente è titolare in un liceo scientifico di in un Istituto d’Istruzione superiore, al cui interno c’è anche un tecnico industriale e una sezione associata in altro comune, questo docente potrebbe essere assegnato, dal proprio Ds, al tecnico industriale o addirittura alla sezione associata.

È ormai noto che l’amministrazione intende procedere per il prossimo organico di diritto all’unificazione di tutti gli indirizzi, sezioni staccate in comuni diversi comprese così come accade da anni per i docenti dell’infanzia, della primaria e per il personale Ata.

Per cui è importante seguire quali saranno le norme per la composizione dell’organico dell’autonomia 2017/2018, e soprattutto quali saranno i codici meccanografici delle scuole esprimibili per la prossima mobilità.