Home Politica scolastica Fedeli: Di Maio non conosce la Costituzione

Fedeli: Di Maio non conosce la Costituzione

CONDIVIDI
  • Credion

La ministra dell’istruzione Valeria Fedeli, un passato nella Cgil, ha commentato le parole del vicepresidente della Camera Di Maio sui sindacati a margine di un dibattito sulle fake news al Prix Italia di Milano.

Come  è noto Luigi Di Maio, il neo-leader del M5S, aveva detto al festival del lavoro di Torino due giorni fa: «O i sindacati si autoriformano o quando saremo al governo faremo noi la riforma», scatenando una ventata trasversale di proteste.

Icotea

Ieri ha risposto Fadeli: “Di Maio dovrebbe informarsi, essere più attento ai ruoli fondamentali della democrazia e della rappresentanza. Secondo me commette un errore pesante: dimostra non solo di non conoscere la Costituzione, cosa gravissima per chi si candida come premier, ma non fa nemmeno l’interesse dell’ innovazione e del cambiamento”.

Poche ore prima era stata la stessa segretaria della Cgil, Susanna Camusso, a sostenere lo stesso principio, visto che il ruolo dei sindacati è riconosciuto dalla Costituzione.

«Stiamo tornando all’analfabetismo della Costituzione, perché la libertà di associazione è un grande principio costituzionale». E ancora: «dice cose che non sa. Non sa come è fatto un sindacato, non sa che non è un’organizzazione statuale di cui decidi le modalità organizzative, è una libera associazione. Non sa che il sindacato cambia in continuazione, perché a differenza di altri soggetti, è radicato nei luoghi di lavoro ed è composto da decine di migliaia di militanti». Questo – ha affondato – è «il segno è quello di ridurre la partecipazione alla democrazia».

La segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, alle dichiarazioni del candidato premier M5s, aveva a sua volta già risposto: “Non abbiamo bisogno di slogan o di aprire nuovi scontri ideologici tra la politica ed il sindacato. Occorre invece affrontare con il dialogo i problemi del lavoro, a cominciare dal tema dei giovani, con grande senso di responsabilità, come sta facendo la Cisl da tempo”.