Home Politica scolastica Fedeli: serve una legge dedicata alla dispersione

Fedeli: serve una legge dedicata alla dispersione

CONDIVIDI

La ministra Valeria Fedeli, a Cagliari per la prima tappa della sua visita in Sardegna che proseguirà in una scuola media di Ghilarza, nell’Oristanese, e poi ad Alghero, ha detto, a margine di un faccia a faccia con il sindaco di Cagliari e il rettore dell’Ateneo, riferendosi in particolare all’altissima dispersione scolastica in Sardegna: “Credo che l’Italia, negli ultimi due anni, abbia cominciato a spendere molto sull’istruzione e sul diritto allo studio, però non c’è dubbio che il differenziale con altri Paesi sul diritto allo studio è molto forte”.

“Noi dobbiamo investire di più sulle borse di studio – ha aggiunto – e consentire a chi non può, per l’origine o per le condizioni economiche, a tutti i meritevoli e ai capaci, di proseguire gli studi per arrivare all’Università”.

Icotea

 

{loadposition deleghe-107}

 

“Credo sia importante che in Sardegna la Regione debba cercare assolutamente di avere una legge dedicata”.

Secondo la ministra, la Regione Sardegna deve “puntare moltissimo sull’insieme dell’istruzione e della formazione proprio perché ne ha bisogno per il futuro di quest’isola, perché è una scelta decisiva anche per le ragazze e i ragazzi”.

Riguardo ai dati elevati sulla dispersione scolastica (quasi il 25%) la ministra Fedeli ha aggiunto che “non è possibile non avere politiche dedicate: noi in relazione con le scelte che dovranno essere fatte dalla Regione opereremo nel migliore dei modi possibile per rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono il raggiungimento dell’obiettivo”.