Home Politica scolastica Didacta Italia, Fioramonti: “La formazione sia guida del cambiamento”

Didacta Italia, Fioramonti: “La formazione sia guida del cambiamento”

CONDIVIDI

Il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, è intervenuto all’inaugurazione di Fiera Didacta Italia a Firenze: “La formazione dovrà essere in grado non solo di adattarsi, ma di “guidare” il cambiamento. Dobbiamo lavorare a scuole sicure e sostenibili. Dobbiamo pensare a una scuola del domani e non di ieri. Dobbiamo creare per gli studenti un ambiente dove imparino da soli”.

E poi: “È una grande opportunità riflettere sul modo di fare scuola. Parlare del futuro delle prossime generazioni, verso l’innovazione. La scuola è il centro di una visione per la società”.

Il programma di Fiera Didacta Italia

Ricco il programma degli eventi di questa prima giornata. Alle ore 11 nella Main Hall, al Padiglione Cavaniglia, si terrà il convegno di apertura intitolato Scuola 2030: P come Pianetasulle buone pratiche a difesa del pianeta, al quale parteciperà ilMinistro Fioramonti intervistato dall’on.le Rossella Muroni, deputata e  ecologista.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il convegno intende sostenere il dibattito a favore dell’educazione allo sviluppo sostenibile portando all’attenzione delle scuole la prima delle cinque P, il Pianeta, richiamate nel preambolo della risoluzione ONU del 2015 “Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile”. Fra i partecipanti Vanessa Pallucchi, Vicepresidente di Legambiente, Gianfranco Bologna (WWF Italia), Donato Speroni e Manuela Fugenzi (ASviS), Michele Mayer (IASS).

Alle 11, in programma, il seminario Anci e Scuola: l’innovazione della didattica. Esperienze a confronto. Introduce e coordina Cristina Giachi Presidente Commissione Istruzione, Politiche educative ed edilizia scolastica ANCI e Vice Sindaco di Firenze.

Fra gli appuntamenti della giornata, oltre ai workshop formativi e ai seminari, in calendario nel pomeriggio i convegni organizzati da Indire. Si parte alle 14,30 con il convegno sul tema delle competenze nel mondo del lavoro e la scuola. Tra i relatoriAndrea Gavosto, Direttore Fondazione Agnelli, Paolo Perani,Responsabile Smart Lab ABB, Andrea Brasini, Group HR Director Furla, Luca Cavallaro, Estate manager Ruffino, Diego Ciulli Manager, public policy Google, Oscar Pasquali Country Manager, Generation Italy.

Alle ore 15.00 si apre il convegno internazionale sui nuovi spazi di apprendimento, dal titolo “Le nuove concezioni di laboratorio: dalla trasformazione dello spazio all’innovazione del modello didattico”. Docenti universitari e professionisti del settore educativo-scientifico (STEM), provenienti da tutto il mondo, si confronteranno sui temi legati alla didattica laboratoriale, partendo dagli spazi e dall’organizzazione dei laboratori, per arrivare alle metodologie didattiche.

Il convegno sarà tenuto da Sylvia Martinez, co-autore di “Invent to Learn: Making, Tinkering, and Engineering in the Classroom” (un libro diventato una “bibbia” nell’ambito maker), Natan Holbert, professore associato di comunicazione, media e tecnologie per il learning design alla Columbia University; Peter Dourmashkin, professore del Dipartimento di Fisica del MIT e del Cambridge MA; David Cuartielles, co-fondatore della piattaforma Arduino e professore all’Università di Malmo e Francesco Bombardi, architetto esperto nella progettazione di laboratori didattici innovativi in Italia e all’estero.

Sempre alle ore 15.00, prende il via il convegno sul contributo delle ICT ai processi di innovazione, durante il quale verranno presentati gli ultimi studi sul rapporto tra le tecnologie e i processi di innovazione, con i contributi pubblicati nella rivista Paradoxa.

Alla tre giorni di Didacta non mancherà l’Europa.

L’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire organizza, a partire dalle ore 9,30, l’iniziativa “Raccontami Erasmus”.

Il punto di partenza saranno le storie e i racconti di giovani, studenti e docenti che hanno svolto un’esperienza Erasmus. Nel pomeriggio, alle 14,30, si entrerà nel vivo delle opportunità offerte dal programma Erasmus+ con una presentazione da parte dell’Agenzia nazionale Indire e con le storie su scuola, università, volontariato europeo ed eTwinning raccontate dalla viva voce di studenti e di giovani. L’evento si ripeterà anche il giorno seguente.