Home Politica scolastica Flc Cgil Sicilia chiede investimenti: “Nell’isola dispersione al 24,8% e migrazione giovanile...

Flc Cgil Sicilia chiede investimenti: “Nell’isola dispersione al 24,8% e migrazione giovanile al nord”

CONDIVIDI

“E’ un Paese diviso sotto il profilo economico e sociale ma anche sotto quello delle opportunità offerte dal sistema dell’istruzione”: è questo ciò che  emerge da un’analisi tracciata dalla Flc Cgil Sicilia nel corso del convegno che vede, a Palermo, la partecipazione della segretaria nazionale della Cgil, Susanna Camusso.

Un comunicato stampa del sindacato precisa che mentre aumentano le disuguaglianze, con il 36,8% delle famiglie più povere residente al sud e nelle isole rispetto all’11% del Nord e al 14% del Centro, “sull’istruzione, che è uno dei cardini dello sviluppo- ha detto Graziamaria Pistorino, segretaria generale della Flc Sicilia aprendo il convegno- non si è investito e di questo ha fatto le spese soprattutto la Sicilia che scontava già un gap col resto del Paese e non è stata messa nelle condizioni di recuperare”.

Lo confermano alcuni dati come il tempo pieno che nell’Isola riguarda solo l’8% della scuola primaria contro il 48% di regioni come la Lombardia dove a Milano la percentuale sale al 91%.

ICOTEA_19_dentro articolo

“In Sicilia – ha rilevato Pistorino- un bambino sta a scuola  nel quinquennio 2.145 ore in meno, quasi due anni, rispetto a un coetaneo del Nord”.

Nell’isola, secondo i dati della Flc, l’80% dei bambini non usufruisce della mensa e dove si registrano i maggiori tassi di dispersione scolastica. Il 13,9% dei bambini del Sud non va a scuola e la punta massima è proprio in Sicilia con il 24,8% con  picchi, secondo i dati di Save the children nelle province di Caltanissetta (41,7%), Palermo (40,1%), Catania (38,6%), Ragusa (37,1%).

Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, spiega Pistorino, “la scuola non statale supplisce alla cronica carenza della scuola di Stato”. E questo in un contesto che ha registrato in 10 anni 77.365 studenti in meno, 12.428 quest’anno rispetto all’anno scorso “diminuzionedovuta anche all’immigrazione di interi nuclei familiari, con una desertificazione anche sotto il profilo delle risorse umane”.

Tesi confermata dai dati  sull’immigrazione : dal 2001 al 2015 hanno lasciato il sud 900 mila giovani tra i 15 e i 34 anni , il 22% dei quali laureato. Per quanto  riguarda l’Università, “quasi il 30% dei giovani meridionali che si iscrivono – ha detto la segretaria della Flc Sicilia- sceglie un ateneo fuori dalla propria regione, anche per le diverse opportunità offerte post laurea. A un anno dalla laurea 74 ragazzi su 100 lavorano contro i 53 su cento del sud”, “E’ un paese diviso- ha aggiunto Pistorino- anche per quanto riguarda i dottorati banditi, settore in cui tutti gli atenei hanno subito un crollo delle risorse: tra i 10 atenei che bandiscono più posti di dottorato 8 sono comunque concentrati al nord”.

Per quanto riguarda, inoltre,  il sistema di formazione professionale in Sicilia “vige il completo immobilismo e non si è ancora riusciti a ottenere un sistema di qualità”. A fronte di questo la Flc chiede “investimenti diretti in istruzione, ricerca e tecnologia assieme a politiche di sviluppo e dell’occupazione”. Per quanto riguarda la scuola, la Flc Cgil sollecita “un adeguamento del tempo scuola nelle aree a maggiore dispersione scolastica”.

Ma anche di “realizzare corsi di specializzazione sul sostegno per i docenti che hanno chiesto il rientro in Sicilia, destinandoli per il prossimo anno ai 5 mila posti di sostegno disponibili”. Inoltre “di rivedere i parametri per il calcolo dei costi standard per studenti e di rifinanziare il fondo di finanziamento ordinario scorporando la quota premiale, che deve essere aggiuntiva”.

“Serve una politica di sviluppo per il Mezzogiorno e la Sicilia- ha sottolineato Pistorino- che abbia come presupposto l’estensione dei diritti di cittadinanza a partire da quello all’istruzione per tutto l’arco della vita. E’ necessario riaprire una grande discussione pubblica sull’importanza di scuola, università e ricerca per lo sviluppo, cosa ancora più urgente di fronte alle sfide poste dalle profonde trasformazioni in corso del sistema produttivo”.

28.9.2017_slide_dati.pptx