Home Politica scolastica Gallo: Giunta Maroni è illegittima se assegna 67 milioni alle private

Gallo: Giunta Maroni è illegittima se assegna 67 milioni alle private

CONDIVIDI
  • Credion

“Il Consiglio di Stato ha bocciato il sistema di contributi Dote Scuola per i giovani in difficoltà economiche della Regione Lombardia. La giunta di Roberto Maroni ha messo in piedi un sistema con una disparità di trattamento illogica e ingiustificata, assegnando più contributi ai ragazzi delle scuole private che a quelli degli istituti pubblici. Se è illegittimo il Dote Scuola lombardo, lo è anche il ddl governativo sulla scuola vuole assegnare detrazioni per 67 milioni di euro all’anno alle famiglie che iscrivono i propri figli alle scuole private”.

Così il deputato del Movimento Cinque Stelle in Commissione Cultura Luigi Gallo dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato il Dote Scuola della Lombardia. Il Movimento Cinque Stelle ha presentato un emendamento al Ddl Istruzione, a prima firma Gallo, per chiedere di destinare i finanziamenti per le detrazioni alle private paritarie a tutti gli studenti tramite il fondo per il diritto allo studio. 

Icotea

“Sul fondo per il diritto allo studio ci sono soltanto 10 milioni di euro, 57 in meno di quelli destinati alle detrazioni per le paritarie. Anche in questo caso c’e una disparità di trattamento, come quella registrata dal Consiglio di Stato in Lombardia, perché non tutti gli aventi diritto potranno ricevere contributi per sostenere i costi di frequenza e dei sussidi didattici, senza tener conto delle spese diventate obbligatorie per la famiglia tramite i cosiddetti “contributi volontari”. Ora il Senato può eliminare la norma illegittima approvando l’emendamento già presentato alla Camera per bloccare i privilegi alle private, assegnando le risorse al fondo per il diritto allo studio, ed impedire un’ennesima disparità di trattamento che favorisce soltanto chi è già ricco, evitando l’approvazione di norme illegittime che verranno affossate dal pronunciamento degli organi preposti”, conclude