Home Generale Gi attori di strada a Montecitorio

Gi attori di strada a Montecitorio

CONDIVIDI

Parada, gli attori di strada della Romania, con il loro circo sociale “Un naso rosso contro l’indifferenza”,  domenica 11 dicembre saranno a Montecitorio nella Sala della Lupa. L’iniziativa rientra nel progetto “porte aperte” con cui il Parlamento si apre ai cittadini.

Il circo sociale è uno spettacolo che unisce giocoleria, clownerie e acrobatica e ha come protagonisti alcuni ragazzi che sono cresciuti all’interno della Fondazione Parada a Bucarest, dove l’arte diventa un messaggio non solo di speranza ma anche di denuncia verso il gravissimo fenomeno dei bambini e delle persone che ogni giorno vivono sulle e sotto le strade.

Icotea

I ragazzi di questo speciale circo,  dopo aver vissuto parte della loro infanzia sulla strada, hanno trovato il coraggio per intraprendere il difficile cammino di reinserimento sociale e oggi con il loro “Un naso rosso contro l’indifferenza” portano un sorriso nelle scuole, nei teatri, nelle piazze delle località che li ospitano.

 

{loadposition corso-leggere-arte}

 

Precederà l’esibizione dei Parada, la Banda della Marina Militare con un concerto mentre l’accesso a Palazzo Montecitorio sarà possibile dalle ore 10.30 alle 15,30.

La visita si svolge per gruppi e ogni partecipante dovrà essere munito di un biglietto.

Durante la visita potranno essere ammirati alcuni fra gli ambienti più importanti e rappresentativi del Palazzo, a cominciare dall’Aula, con i pannelli del Fregio di Sartorio che decora l’emiciclo, il “Velario”, imponente decorazione liberty di circa 800 metri quadrati in rovere di Slavonia, vetro colorato e ferro, il Transatlantico – salone antistante l’Aula che deve il suo nome all’illuminazione a plafoniera, caratteristica delle navi transoceaniche – la Sala della Regina, la Sala Aldo Moro, la Sala del Cavaliere. Con l’occasione, sarà possibile visitare la mostra “Vo(l)to di donna”, allestita nella Sala della Regina per celebrare i 70 anni del voto alle donne, con opere, tra gli altri, di Guttuso, De Chirico, Manzù, Balla, Boccioni. Lo rende noto un comunicato della Camera dei Deputati.