Home Politica scolastica Gilda: elezioni Cspi, scuole costrette a tour de force

Gilda: elezioni Cspi, scuole costrette a tour de force

CONDIVIDI

Ancora una volta le scuole italiane rischiano di finire nel caos, costrette a un tour de force per sopperire a una negligenza di cui l’unico responsabile è il Miur”. Così la Gilda degli Insegnanti commenta l’ordinanza con cui viale Trastevere ha indetto per il prossimo 28 aprile le elezioni del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI), l’organo consultivo che dovrà sostituire il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione (CNPI).

“I vari Ministri che si sono succeduti da quando è stato abolito il CNPI hanno continuato ad approvare numerosi provvedimenti, noncuranti dell’assenza dei pareri dell’unico organo consultivo nazionale e in barba alle sentenze dei giudici. Adesso, in ottemperanza all’ordinanza emessa dal Consiglio di Stato il 18 febbraio scorso, il Miur è dovuto correre ai ripari fissando tempi strettissimi per le elezioni del CSPI e costringendo le scuole a organizzare le Commissioni elettorali entro il 13 marzo e i sindacati a preparare le liste in tutta fretta. Le organizzazioni sindacali hanno appreso la data delle elezioni appena due giorni fa in una riunione d’urgenza al Miur. Il modo in cui il Ministero ha gestito tutta la vicenda – conclude la Gilda – è scandaloso e si ripercuoterà gravemente sull’organizzazione di tutta la macchina elettorale”.

Icotea