Home Sicurezza ed edilizia scolastica Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole: dal 2016 ogni 22 novembre

Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole: dal 2016 ogni 22 novembre

CONDIVIDI

A partire dal 2016, ogni 22 novembre, nelle scuole italiane sarà celebrata la Giornata nazionale per la sicurezza

La ministra Giannini, annunciando l’evento, con decreto attuativo della “Buona scuola”, ha spiegato che la giornata ha lo scopo di ricordare tutte le vittime degli incidenti avvenuti durante le ore di lezione e sensibilizzare l’intera comunità scolastica sul tema.

Icotea

Un capitolo, quello della sicurezza,  su cui il Governo ha «avviato un’azione massiccia» investendo risorse per «4 miliardi di euro» e finanziando già 3.655 i cantieri, «di cui due terzi iniziati o conclusi».

«Vogliamo che ogni anno – ha sottolineato Giannini – nel giorno in cui ricordiamo la morte di Vito Scafidi», avvenuta il 22 novembre 2008 per un crollo al liceo Darwin di Rivoli, «si concentri l’attenzione sul fatto che la sicurezza è un diritto e che i governi devono assumersene la responsabilità. Questo è il primo governo in Italia che lo fa con concretezza e risorse».

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Secondo i dati diffusi dal Miur, i cantieri di edilizia scolastica promossi dal governo Renzi e finora conclusi sono 1.118, quelli in corso 1.147 e quelli da avviare nel 2016 1.390. In particolare, per le indagini diagnostiche dei contro soffitti, previste dalla ‘Buona scuola’, le candidature giunte entro il 18 novembre sono state 1.559, 13.584 gli edifici interessati e oltre 73 milioni le risorse richieste.

Presente naturalmente anche il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, che ha detto: “La sicurezza nelle scuole è una sfida collegiale che riguarda governo, ministero, unità di missione, regioni ed enti locali. I numeri ci dicono che si sta agendo in maniera efficace, ma c’è molto ancora da fare. La scommessa si può vincere solo con la collaborazione di tutti”.

La ministra Giannini ha firmato anche un protocollo di intesa con l’Inail per promuovere la didattica della sicurezza e della prevenzione