Home Sicurezza ed edilizia scolastica “Gli edifici scolastici non sono sicuri”: gli studenti scrivono a Giannini

“Gli edifici scolastici non sono sicuri”: gli studenti scrivono a Giannini

CONDIVIDI
  • Credion

Gli studenti delle scuole superiori di Massa Carrara scrivono alla ministra dell’istruzione, Stefania Giannini,  per denunciare la situazione in cui versano gli edifici scolastici della zona. “Siamo preoccupati per la condizione degli istituti in cui ci rechiamo ogni giorno per imparare e studiare; la invitiamo a venirci a trovare per verificarlo di persona”.

Gli studenti apuani, aiutati dal presidente,  ricordano al ministro Giannini che la Provincia “si trova, da diversi anni, in uno stato di forte difficoltà e crisi finanziaria, a causa, principalmente, degli assurdi prelievi alle risorse proprie, imposte dalle diverse leggi di stabilità nazionali; non è economicamente sostenibile prelevare dal bilancio 2016 della Provincia, che ha entrate tributarie proprie per circa 15 milioni di euro, il 50% della possibile spesa, oltre 7,5 milioni di euro, garantendo comunque la manutenzione ordinaria e straordinaria di 29 edifici scolastici, per circa 9000 studenti e di circa 700 Km di strade”.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Gli studenti ricordano anche alla ministra che sono ancora in corso verifiche di sicurezza in molte scuole, edifici ormai vecchi e non più adeguabili staticamente e sismicamente e si appellano affinché si possa “veramente cambiare passo”.

 “Questa non è la buona scuola che ci aspettavamo”.