Home La Tecnica consiglia Gli incentivi al risparmio dei ragazzi

Gli incentivi al risparmio dei ragazzi

CONDIVIDI

L’ingresso nell’età adolescenziale dei propri figli si rivela un fattore complesso anche per quanto riguarda le nuove esigenze finanziarie che inevitabilmente si presentano: agli acquisti di libri e materiali per la scuola, vestiti e altri generi di prima necessità, iniziano infatti ad aggiungersi altre richieste dei ragazzi, legate al divertimento e agli interessi che intendono coltivare, che i giovani ambiscono a gestire con maggiore autonomia.

A tal proposito, un recente sondaggio commissionato da Miur, Poste Italiane e Visa, rivela che il 70% dei genitori italiani con figli adolescenti* non nega agli stessi delle piccole somme per gestire in maniera indipendente alcune spese, sperando così di indirizzarli ed educarli a un utilizzo responsabile del denaro. Le analisi statistiche sembrano dar ragione a questi genitori: da quanto emerso, il fatto stesso di ricevere un budget settimanalmente, favorisce la tendenza dei ragazzi a risparmiare e a tenere d’occhio le spese, per accantonare parte delle somme disponibili in vista di acquisti più importanti.

Icotea

La stessa indagine ha messo in evidenza come il 40% dei genitori intervistati conosca la Carta IoStudio-Postepay e la consideri un valido strumento per l’educazione finanziaria degli studenti. La Carta dello Studente – IoStudio lanciata dal Miur nel 2008 per dotare gli studenti delle scuole secondarie di II grado di un badge identificativo in grado di attestare lo status di studente, per favorire l’accesso agevolato a iniziative e servizi culturali, a partire dall’a.s. 2013/2014 si è infatti arricchita, grazie alla collaborazione con Poste Italiane e Visa, delle funzioni di carta ricaricabile prepagata. Tra i suoi vantaggi, vi è la possibilità di accedere a un servizio di visualizzazione online del saldo e dei movimenti effettuati con la Carta, che permette anche alle famiglie di esercitare un controllo delle spese effettivamente sostenute dai figli e sta incoraggiando i genitori a utilizzare la Carta come borsellino elettronico, più sicuro ed efficace della tradizionale “paghetta” consegnata a mano.

Grazie alla rete interistituzionale di partner sviluppata e cresciuta insieme alla Carta IoStudio Postepay, gli studenti titolari hanno oggi accesso a sconti dedicati presso oltre 50.000 esercenti convenzionati e possono usufruire di offerte appositamente studiate grazie agli accordi con Partner quali Trenitalia, Grimaldi Lines, EF, Kaplan, AICA, Associazione Librai Italiana, FAI e molti altri. Inoltre, la Carta è abbinata al programma di sconti Banco Posta che prevede l’accredito diretto sulla Carta di un corrispettivo ogni 5 euro di sconti maturati, stimolando una dinamica virtuosa tra spesa e risparmio per future acquisti. In questo modo la Carta, studiata in particolare per piccoli acquisti, come libri, musica, prodotti audiovisivi o altri materiali e contenuti didattici, diventa una sorta di “porcellino di coccio” delle nuove generazioni.

Nell’ottica dell’ulteriore ampliamento dei servizi associati alla Carta sono anche in corso studi e valutazioni al fine di rendere la Carta IoStudio-Postepay il veicolo attraverso il quale accreditare borse di studio ottenute dagli studenti e ogni altro sussidio previsto per i ragazzi delle scuole secondarie di II grado, rendendo pratiche, veloci e sicure tutte le operazioni finanziarie legate al percorso scolastico dei ragazzi e permettendo ai genitori di evitare trafile burocratiche per accedere alle somme di sostegno allo studio ottenute dai propri ragazzi.

* L’indagine è stata effettuata tramite interviste on line svolte con metodologia CAWI sul Panel Lightspeed. Il fieldwork si è svolto nel Q4-2015