Home Contabilità e bilancio I nuovi livelli di reddito per la corresponsione dell’assegno nucleo familiare

I nuovi livelli di reddito per la corresponsione dell’assegno nucleo familiare

CONDIVIDI
  • Credion

Come ogni anno l’Inps ha pubblicato la circolare con la quale vengono trasmesse le tabelle contenenti i nuovi livelli reddituali e i corrispondenti importi mensili dell’assegno per il nucleo familiare.

La circolare n. 109 del 27 maggio 2015 si riferisce all’ammontare della prestazione per il periodo dal 1° luglio 2015 al 30 giugno 2016.

Icotea

La legge n. 153/88 ha stabilito che i livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare sono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’Istat, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente.

Secondo l’Istat, la variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo tra l’anno 2013 e l’anno 2014 è risultata pari allo 0,2%. L’Inps ha dunque tenuto conto di questo indice per la rivalutazione dell’assegno.

Le nuove tabelle contengono i livelli di reddito rivalutati e gli importi mensili della prestazione, da applicare dal 1° luglio 2015 al 30 giugno 2016, alle diverse tipologie di nuclei familiari.

Gli stessi livelli di reddito avranno validità per la determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione.