Home I lettori ci scrivono I pedagogisti italiani per la riapertura a settembre

I pedagogisti italiani per la riapertura a settembre

CONDIVIDI

On.le Anna Ascani,

L’APEI (Associazione pedagogisti educatori italiani) plaude alla sua proposta per la riapertura delle scuole a Settembre, con tutti i bambini in presenza a gruppi, fino alla primaria, e con didattica esperienziale montessoriana, quale contributo ad un reale rinnovamento pedagogico della didattica che contribuisce al superamento dell’immobilità del bambino al banco e alla lezione frontale, per incontrare l’apprendimento non solo con la mente ma anche con tutto il corpo, in particolare con le mani, definite da Maria Montessori “Organo dell’intelligenza”.
L’APEI si rende disponibile ad un supporto pedagogico-scientifico per la realizzazione di questa innovazione della scuola che non esclude certo la DAD, ma ne studia gli ambiti e i tempi di applicazione in modo da integrarla secondo una Pedagogia della Vicinanza, perché la conoscenza è costruita da un corpo e dalla sua mente – una “mente incarnata”- attraverso le  interazioni sensomotorie del corpo con il suo ambiente sociale esterno. Apei, inoltre, mette a disposizione la professionalità di Pedagogisti ed Educatori di tutta Italia, anche attraverso la Pedagogia dell’Emergenza in collaborazione con le Università, che ha visto, fin dall’inizio, più di 400 professionisti dell’educazione di tutta Italia, offrire gratuitamente il loro servizio alle famiglie in questo periodo di chiusura delle scuole ma anche quando queste saranno riaperte, in quanto gli educatori dovrebbero essere parte della comunità scolastica, non una realtà scollegata, affidata solo agli enti locali, per supportare la non facile situazione di cambiamento sia sociale che scolastica  che dovremo affrontare a Settembre.

Icotea

Alessandro Prisciandaro
Presidente Nazionale APEI