Home Archivio storico 1998-2013 Generico Ifts: risultati e prospettive

Ifts: risultati e prospettive

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Lo scorso 15 luglio, in occasione dell’insediamento del nuovo Comitato nazionale Ifts, il ministro Letizia Moratti ha illustrato, presso la sede ministeriale di Piazzale Kennedy, i risultati conseguiti e le prospettive nel prossimo triennio del sistema post-secondario di Istruzione e formazione tecnica superiore, realizzato di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e d’intesa con le Regioni e le autonomie locali.

All’incontro ha preso parte anche il sottosegretario al Miur Maria Grazia Siliquini, che ha dichiarato: "In collaborazione con il Ministero del Lavoro, le Regioni, gli Enti locali, le parti sociali (sindacali ed imprenditoriali) articoleremo un piano pluriennale di interventi per istituire dei poli di eccellenza per collegare istruzione, formazione, lavoro, ricerca scientifica e trasferimento tecnologico."
La senatrice piemontese ha aggiunto che questi corsi biennali consentono "di acquisire una elevata qualificazione professionale immediatamente spendibile nel mondo del lavoro", sottolineando nel contempo che occorre "elaborare una nuova strategia per migliorare il piano di comunicazione di offerta al pubblico e superare le iniziali difficoltà che hanno rischiato di compromettere l’efficienza e la qualità di un sistema che intendiamo potenziare, stabilizzare e rendere più rispondente ai fabbisogni formativi del territorio".
È in questo quadro che si inserisce l’iniziativa avviata con il Protocollo d’intesa, che sarà presentato prossimamente, tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero del Lavoro, le Regioni Piemonte e Sardegna, "per la cui attuazione – ha precisato Siliquini – sono stati destinati più di 800mila euro".

Il sottosegretario all’Istruzione ha concluso affermando che il Ministero intende "promuovere alcuni progetti pilota, sperimentando la costituzione di due poli (in Piemonte e in Sardegna, appunto) per favorire la nascita di stabili reti locali di innovazione in grado di integrare la rete di formazione professionale (sia a livello delle facoltà universitarie tecnico-scientifiche che a livello degli istituti tecnici della scuole secondarie)".

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese