Home Didattica Il 2016 l’anno dei numeri? La matematica non è opinione

Il 2016 l’anno dei numeri? La matematica non è opinione

CONDIVIDI

Ovviamente stiamo scherzando quando vestiamo i panni dell’inflessibile prof. di matematica e mettiamo, nel nostro registro elettronico, un voto insufficiente alla estensore del pezzo intitolato: “Il 2016 è l’anno dei numeri? Prova tutte le combinazioni”, della giornalista  Gianna Fregonara.

L’articolo ripreso anche sul nostro sito per la sua particolare originalità, ha degli evidenti sbagli di carattere algebrico-aritmetico.

Icotea

Infatti la prima cosa che salta all’occhio è l’errore sui criteri di divisibilità. Per essere precisi il numero 2016 nell’articolo della Fregonara, moglie dell’ex Presidente del Consiglio Enrico Letta e sostenitrice dell’eliminazione di un anno scolastico nelle scuole superiori, sarebbe divisibile per 5. Ebbene si tratta di un clamoroso errore sui criteri di divisibilità, infatti i numeri divisibili per 5 devono necessariamente terminare o con la cifra 0 oppure con la cifra 5. Il numero 2016 terminando con la cifra 6 non è divisibile per 5. Invece è divisibile per le cifre 1,2,3,4,6,7,8,9.

L’articolo, ripreso a sua volta da riviste americane del settore, continua con un’ altra curiosità di calcolo, tipico di un algoritmo studiato da Gauss. Infatti si nota che la somma dei numeri interi largamente compresi tra 1 e 63 faccia 2016. Basta applicare l’algoritmo inventato dall’abilissimo fisico-matematico Carl Friedrich Gauss in cui si moltiplica 32 x 63 e si ottiene il risultato sarà 2016.

Vorremmo solo fare riflettere la dott.ssa Gianna Fregonara, suggerendole che tagliare di un anno la scuola italiana, portando il liceo da 5 a 4 anni, come la stessa chiedeva dalle colonne del Corriere della Sera, potrebbe significare il proliferare dell’ignoranza matematica, fisica, linguistica, filosofica che invece sono la ricchezza di un Paese.