Home Archivio storico 1998-2013 Ordinamento “Il bullismo è a scuola, non online”?

“Il bullismo è a scuola, non online”?

CONDIVIDI
  • Credion

Lo sostiene Wired.it, secondo cui l’ accanimento mediatico contro una piattaforma come Ask.fm non è in alcun modo risolutivo nella lotta contro il bullismo.
Oltre a non essere responsabilità del social network lettone, il bullismo è un fenomeno anologico, non digitale.
Secondo la ricerca svolta nell’ambito del progetto comunitario E-Abc Antibullying Campaign, spiega Wired.it, a confrontarsi con le pressioni dei coetanei è un adolescente su cinque. Infatti, secondo Arcigay, la maggior parte degli atti di bullismo si verifica a scuola con il 52% dei casi, più della metà. Stesso discorso per il bullismo omofobico, collegato dal 20% degli studenti al quotidiano fra banchi di scuola e cattedre.. Ilga Europe fa addirittura riferimento a un 73% di gay discriminati che punta il dito in direzione di scuola e famiglia. 

La responsabile dell’Osservatorio europeo della violenza a scuola, Chaterine Blaya, ha fornito lo scorso novembre, relativamente al 2011, percentuali interessanti sulle proporzioni fra i due fenomeni: del 19% dei giovani europei che ha subito qualche forma di bullismo, si è dovuto confrontare con la versione digitale dello stesso il 6%. In Italia si parla dell’ 11%, vessazioni miste, e del 2%, attacchi solo online.
Altro dato interessante, scrive sempre Wired.it, è quello preliminare del progetto Tabby riportato dal Corriere della Sera: è il 7,9% dei ragazzini italiani – età media 15 anni – ad aver subito forme di prevaricazione online nei sei mesi precedenti alla rilevazione e il 7,21% ad averle attuate.
La cronaca conferma lo spaccato disegnato dalle ricerche. Sfogliando gli articoli dell’ultimo anno ci si imbatte in casi come quello degli studenti più giovani degli istituti superiori padovani, costretti dai compagni più grandi a rientrare a casa con il volto dipinto con pennarelli. O in canoniche storie di estorsione di oggetti e denaro, di atti di violenza commessi dalle baby gang e minacce. A inizio anno scolastico le scuole genovesi hanno anche attivato sette sportelli contro violenza e stalking. I fenomeni si sono registrati anche nelle scuole medie. ” Scherzi pesanti, palpeggiamenti ed emarginazione” quelli citati.
Ad accendere i riflettori sul cyberbullismo sono stati due casi in particolare (Hannah e David), le accuse di personaggi esposti, come il premier britannico David Cameron; e il tam tam mediaco, con titoli come ‘Il paradiso degli stalker’.
In particolare Ask.fm si è trasformato in qualche mese da piattaforma di social networking gettonata dagli adolescenti di mezzo mondo in sinonimo di bullismo, cyberbullismo e violenza digitale.