Home Archivio storico 1998-2013 Esami di Stato Il futuro dopo gli esami? Un sondaggio svela che le idee sono...

Il futuro dopo gli esami? Un sondaggio svela che le idee sono chiare

CONDIVIDI
  • GUERINI

Sulla base del sondaggio online condotto da Skuola.net in tutta Italia e per tutti gli indirizzi di studio i circa 500mila studenti che usciranno dalle scuole sanno già cosa fare nell’immediato futuro.
“Vacanze a parte, almeno 6 su 10 hanno già le idee chiare: il66% è orientato a proseguire gli studi iscrivendosi all’università, l’8% pensa di frequentare comunque un corso di formazione seppure non universitario (Its o anche corsi regionali) mentre il 13%, a dispetto della crisi economica e delle scoraggianti prospettive, vuole trovare un lavoro. C’é anche un 8% di intervistati che pensa di fare la valigia e andarsene all’estero per imparare una lingua e un 5% che ha intenzione di indossare la divisa intraprendendo la carriera nelle forze armate.”
Uno su tre sono gli indecisi, cresce la percentuale di coloro che prendono in considerazione ipotesi diverse dall’università. 
A fronte di un 42% di maturandi che propende per l’immatricolazione in qualche ateneo, sfiora il 20% la percentuale di coloro che stanno valutando l’idea di varcare i confini nazionali per fare un’esperienza all’estero. Il 18% degli indecisi è orientato a cercarsi un impiego e il 15% a prendere in considerazione soluzioni alternative tipo i nuovi Its, canale formativo di livello post-secondario parallelo ai percorsi accademici, pensato nell’ottica di consentire alle aziende di trovare sul mercato del lavoro le professionalità tecniche di cui hanno bisogno.
“Nell’indecisione – commenta Skuola.net – se in passato si optava per frequentare comunque l’università, oggi i ragazzi cominciano a rendersi conto che non necessariamente questa scelta garantisce un “plus” spendibile sul mercato del lavoro”.
Quanto ai criteri di scelta, secondo la ricognizione fatta tra i ragazzi, pare che prevalgano nettamente le inclinazioni personali, indicate dal 63% dei maturandi. Il 30% guarda invece, più concretamente, alle prospettive occupazionali e soltanto il 7% si affida ai consigli di parenti e amici.