Home Politica scolastica Il “Lombardo Radice” di Catania aderisce al blocco scrutini

Il “Lombardo Radice” di Catania aderisce al blocco scrutini

CONDIVIDI
  • Credion

L’assemblea dei docenti e del personale ATA  del Liceo Lombardo Radice, riunitasi ad iniziativa della RSU, ritiene che la grande mobilitazione di questi mesi ha chiarito inequivocabilmente la radicale opposizione dell’intero mondo della scuola al DdL sulla scuola presentata dal governo Renzi.
Il governo ha finora insistito sull’inaccettabile impianto del proprio progetto che colpisce al cuore la scuola pubblica, così come delineata dalla Costituzione repubblicana.
La discussione del DdL al Senato registra, positivamente, il rafforzamento delle posizioni critiche al testo governativo e quindi risulta necessario esprimere in questi giorni il massimo sforzo nella mobilitazione per costringere il governo a desistere dal suo tentativo controriformistico, garantendo, parallelamente, un provvedimento urgente per la stabilizzazione dei precari,richiesta dalla corte di giustizia europea.
Fra le varie criticità, appare insostenibile, anche dal punto di vista giuridico, il blocco contrattuale operato dal governo.
In questo quadro lo sciopero degli scrutini rappresenta un passaggio importante che sicuramente sarà compreso dagli studenti e dalle loro famiglie, consapevoli dei gravissimi effetti che produrrebbe l’approvazione del DdL.
Pertanto, il Liceo Lombardo Radice di Catania aderisce allo sciopero degli scrutini nelle forme indicate dalle organizzazioni sindacali.