Home I lettori ci scrivono Il ministro Marco Bussetti vive tra le nuvole

Il ministro Marco Bussetti vive tra le nuvole

CONDIVIDI

Il ministro Marco Bussetti, intervistato dalla Rai-Radio 1 ha affermato: “L’innovazione nella scuola va cercata nella didattica, nella metodologia non solo nell’acquisto di strumenti, ma nel saperli poi usare al fine di innovazione didattica. Bisogna lavorare molto sulla formazione dei docenti perché sappiano trasformare questi strumenti per una didattica innovativa”.

Un’asserzione generica, avulsa dal vissuto dell’istituzione scolastica: l’origine delle carenze del servizio è fuori scena. Le numerose norme che negli ultimi quarant’anni hanno sollecitato cambiamenti metodologici-didattici non hanno scalfito l’ordinario tran-tran della vita delle classi.

Sia d’esempio il profilo culturale, educativo e professionale dei licei del 2010 che, tra i “punti fondamentali e imprescindibili” della pratica didattica elenca:

In mezzo alla notizia
  • lo studio delle discipline in una prospettiva  sistematica, storica e critica;
  • la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari;
  • l’uso costante del laboratorio per l’insegnamento delle discipline scientifiche;
  • la pratica dell’argomentazione e del confronto;
  • la cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale;
  • l‘uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca.

Come avrebbe dovuto rispondere la scuola alle sollecitazioni?

Una possibile, prima risposta è fornita dal materiale didattico progettato sul principio di Archimede:

Fase 1 – il docente inquadra storicamente il problema per motivare la classe e per sollecitare la tensione cognitiva. Utilizza lo strumento multimediale Power Point;

Fase 2 – gli studenti ricercano la soluzione del problema “galleggiamento” interagendo con un foglio elettronico in cui è simulato il comportamento di un’imbarcazione su cui possono essere collocati pesi diversi.

La soluzione dovrà essere formalizzata in modo chiaro, esaustivo, sintetico.

Fase 3 – I gruppi confrontano le loro soluzioni, individuano e discutono le difformità, uniformano i lavori.

Fase 4 – Il docente illustra le diapositive sullo stato dell’arte.

Clicca qui per le schede metodologiche didattiche