Home I lettori ci scrivono Il Miur come ‘Cerbero’

Il Miur come ‘Cerbero’

CONDIVIDI

Prima testa di Cerbero: “Facciamo il potenziamento di qua, facciamo il potenziamento di là, di giù e di sù, la scuole d’Italia a dicembre/gennaio avranno circa 8/7 docenti con i quali si potranno sviluppare nuove competenze di cittadinanza, con i quali si potranno ampliare le competenze digitali, si faranno progetti di qui e di là, sull’inclusione degli alunni disabili, dei bes…. ecc… le scuole invece cosa fanno li utilizzano solo da tappabuchi… la nuova figura del factotum che entra ed esce da una classe, poi entra in un’altra, senza meta, senza dignità, senza onore, senza cattedra! l’idea nuova: del docente–manager delle sostituzione e delle sorveglianze!

Non voglio discutere o dilungarmi degli effetti positivi o negativi dell’empowermet, ma solo, così, potete farvi un’idea verso dove vuole andare  a parare Cerbero… senza però impiegare strumenti e risorse, soprattutto finanziarie.

Icotea

Copio incollo da:

http://www.formez.it/sites/default/files/il_ruolo_del_formatore_attraverso_luso_di_metafore.pdf

“3. La scelta dell’empowerment

Si è ritenuto importante fare questo lungo preambolo per sottolineare come il formatore pubblico sia chiamato a svolgere compiti nuovi e molto differenziati:

– alcuni più consolidati, strettamente legati all’azione formativa in sé (gestore d’aula, docente), al processo formativo (analista, progettista, coordinatore, valutatore), alle nuove modalità formative on the job (coach, facilitatore, consulente, animatore di reti);

– alcuni cresciuti nel tempo, in rapporto all’affermarsi della formazione quale leva per lo sviluppo dell’organizzazione (integratore delle politiche, sviluppatore di innovazioni organizzative, attuatore di progetti di innovazione, implementatore di sistemi di knowledge management)

– altri ancora derivanti dalla dimensione strategica della funzione formazione nei processi di governo (interprete della governance, facilitatore di processi partecipativi ed inclusivi, organizzatore di processi di co-progettazione, di progettazione integrata, … ecc)

Questa richiesta poliedricità, ma diremo la proteiformicità, del formatore (pubblico) genera però instabilità, incertezza, difficoltà a definire il proprio ruolo, ad attuare i propri compiti e ancora di più a coordinare quelli dei diversi interlocutori/attori con cui interagisce e di cui si avvale.”

Proprio questa frase ha colto nel segno… “instabilità, incertezza, difficoltà nel definire il proprio ruolo” e si adatta bene alla condizione del depotenziatore!

Poi vai sentire la seconda testa di Cerbero: la Giannini: che ora che quasi tutti i licei avranno i docenti di diritto ed economia potranno introdurre queste nuove materie nei curricola dei liceali… (le parole sono mie, ma questo era il senso, almeno così mi sembra di ricordare).

Poi vai a sentire la terza testa di Cerbero: il Decreto Direttoriale n. 414/2016  e toh! secondo voi avranno inserito la classe a-46 ( ex a-19) nel piano di studi allegato A dei licei?.. Esclusi gli indirizzi del liceo scienze umane e scientifico scienze sportive, secondo voi Cerbero ha introdotto questo insegnamento per il classico; lo scientifico; architettura e ambiente; audio visivo e multimediale; artistico ecc. ecc… la risposta è NO!

E secondo voi Cerbero ha reintrodotto il diritto e economia e gli altri insegnamenti  tagliati negli istituti tecnici e professionali che erano presenti prima delle riforma Gelmini? Cerbero condannato e commissariato, infatti con sentenza 6348/15 il Tar Lazio “nominava un commissario ad acta il quale avrebbe dovuto provvedere all’esecuzione della sentenza entro ulteriori novanta giorni”. Secondovoi in questo D.D. 414/2016 è previsto tutto ciò? Cioè la restituzione delle ore tagliate ( circa 48000 cattedre); ad esempio questo è stato fatto per gli istituti professionali dove al primo anno insegnamenti comuni indirizzo settori “SERVIZI”  e  “INDUSTRIA  E ARTIGIANATO sono state aggiunte 33 ore di geografia ed infatti al primo anno il monte ore è passato da 1056 a 1089 ore.

“Cerbero era uno dei mostri che erano a guardia dell’ingresso degli inferi.. (la scuola), su cui regnava il dio Ade” (Lobby).  “Cerbero è un mostruoso cane a tre teste le quali simboleggiano la distruzione del passato, del presente e del futuro”… della Scuola! “Nell’allegoria Dantesca il significato è un cane che mangia in continuazione senza preoccuparsi né della qualità né della quantità”… della Scuola! (wikipedia tra virgolette).