Home Formazione iniziale Il Miur faccia chiarezza sul diploma magistrale

Il Miur faccia chiarezza sul diploma magistrale

CONDIVIDI
  • GUERINI

“Il Ministero”, dicono i sindacati valdostani della scuola, “ è l’unico deputato a dirimere la questione e a fare chiarezza sulle modalità di conseguimento e di spendibilità in graduatoria dei titoli abilitanti all’insegnamento, ora che è imminente la riapertura delle graduatorie”. 
A questo proposito le organizzazioni sindacali scolastiche regionali CGIL FLC, CISL SCUOLA, SAVT ÉCOLE e SNALS dicono la loro con un comunicato stampa unitario diffuso nel pomeriggio. 
“Ad oggi – spiegano confermando quando già detto dai colleghi del Cub – siamo di fronte al parere emanato l’11 settembre 2013 dal Consiglio di Stato che riconosce come abilitante ai fini dell’inserimento in graduatoria di istituto in seconda fascia il diploma magistrale conseguito entro il 2002. La decisione finale deve essere sancita in un Decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Ministro”.

 
“Sollecitano il Miur, – concludono i sindacati – unico deputato a dirimere la questione, a risolvere questo problema quanto mai urgente e a fare chiarezza sulle modalità di conseguimento e di spendibilità in graduatoria dei titoli abilitanti all’insegnamento, soprattutto ora che è imminente la riapertura delle graduatorie mediante decreto ministeriale”. 
E di fronte ai tanti docenti che avrebbero voluto cancellarsi dalle rispettive associazioni, hanno osservato: ” È quanto mai urgente eliminare le tensioni e le conflittualità tra precari della scuola, che già si trovano a vivere una condizione lavorativa difficoltosa”.