Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Il software libero nella didattica”

“Il software libero nella didattica”

CONDIVIDI
  • GUERINI

L’incontro si rivolge ai docenti e agli studenti. L’adozione di programmi software liberi, per gli insegnanti, consente di operare tale scelta in assoluta autonomia;  in questo modo i docenti, e quindi la scuola, non sono più vincolati ad un fornitore unico e possono scegliere liberamente anche le diverse soluzioni software, a seconda delle esigenze didattiche. Per gli studenti, l’utilizzo del software libero rappresenta anche la possibilità di sviluppare la cultura dello scambio e della condivisione della conoscenza.
Il convegno "Il software libero nella didattica", che si svolgerà il 29 aprile nell’auditorium dell’Itc "G. Rosati" di Foggia, sarà inaugurato (dopo la registrazione dei partecipanti, che avverrà a partire dalle ore 8.30) dai saluti del dirigente scolastico Raffaele Zannotti e da una breve presentazione del prof. Vincenzo Di Giovine. Tra i relatori, Stefano Maffulli, che si soffermerà sul tema "Il software è sapere. Storia e filosofia del software", e Antonio Bernardi, che illustrerà "Perché scegliere il software libero nella didattica". Inoltre, gli argomenti trattati da Davide Dozza e Andrea Centomo saranno, rispettivamente, i seguenti: "Liberate l’ufficio con OpenOffice.org!" e "La distribuzione EduKnoppix e i suoi applicativi per la Matematica".
Maggiori informazioni sul convegno, organizzato anche per soddisfare un crescente interesse sugli sviluppi etici e pratici derivanti dall’adozione del software libero nella scuola (e più in generale nella Pubblica Amministrazione), si possono avere inviando una e-mail all’Itc "Rosati" (l’indirizzo di posta elettronica è riportato su "Ulteriori approfondimenti") o collegandosi con il sito internet www.itcrosati.it.