Home Archivio storico 1998-2013 Generico Il Tar Lazio respinge il ricorso di Codacons contro il decreto n....

Il Tar Lazio respinge il ricorso di Codacons contro il decreto n. 59

CONDIVIDI
webaccademia 2020


La "funzione tutoriale" nel primo ciclo di istruzione deve essere intesa come prestazione essenziale garantita dallo Stato e pur non essendo esplicitamente menzionata nella legge n. 53 è legittimamente prevista dal decreto legislativo n. 59 approvato nel febbraio scorso dal Governo.

E’ questa la tesi che l’ufficio legislativo del Miur sta sostenendo contro i ricorsi presentati da più parti contro il decreto 59 e contro la circolare 29.

Secondo notizie di fonte ministeriale ma non ancora confermate ufficialmente, pochi giorni fa, il Tar Lazio avrebbe accolto questa linea interpretativa esaminando e rigettando il ricorso presentato dal Codacons.

Stessa sorte dovrebbe toccare a questo punto al ricorso delle organizzazione sindacali sul quale sempre il Tar Lazio si pronuncerà il prossimo 12 luglio.

Decreto e circolare sono quindi atti pienamente legittimi e devono essere applicati.

A questo punto diventa decisivo il passaggio contrattuale che però stenta a decollare: il Ministro aveva invitato l’Aran ad aprire la trattativa, ma i sindacati avevano subito obiettato chiedendo che il Governo provvedesse ad emanare un formale atto di indirizzo.

La sensazione è che Cgil, Cisl e Uil vogliano allungare i tempi in modo che a settembre la trattativa non sia ancora conclusa. I sindacati confederali sperano di riuscire così a bloccare o quanto meno a rendere particolarmente difficoltosa l’applicazione delle principali novità previste dalla riforma.

Ma dal Ministero lasciano intendere che – anche senza contratto integrativo – la riforma dovrà comunque prendere avvio: la funzione tutoriale è definita dalla legge, la mancanza del contratto nazionale non consentirà di definire gli aspetti retributivi connessi con  i maggiori impegni lavorativi, ma non potrà in nessun caso autorizzare le scuole a non attivare quella che – anche secondo il Tar – deve essere considerata una prestazione essenziale resa agli alunni e alle loro famiglie.

In altre parole – sostengono al Ministero – l’incarico di tutor dovrà essere comunque svolto, mentre la retribuzione corrispondente potrebbe essere erogata solo dopo la sottoscrizione del contratto nazionale.

A questo punto i sindacati contano anche molto su un ormai molto probabile avvicendamento ai vertici del Ministero: in molti pensano che l’arrivo a viale Trastevere di Rocco Buttiglione o comunque di un esponente dell’Udc, aumenterebbe gli spazi politici e potrebbe aprire la strada ad un avvio soft della riforma.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese