Home Archivio storico 1998-2013 Generico Il volontariato a scuola, percorsi di formazione a Bergamo

Il volontariato a scuola, percorsi di formazione a Bergamo

CONDIVIDI
  • Credion
Lo Sportello Scuola e Volontariato di Bergamo, inaugurato il 26 febbraio 2007, costituisce un’occasione di collegamento tra il mondo della scuola, il territorio, le associazioni di volontariato e funziona come “bussola” per tanti ragazzi che percorrono entusiasti le strade della solidarietà. Piccoli e grandi gesti che richiedono anche preparazione e impegno.
L’iniziativa nasce sulla base di un progetto condiviso da Ufficio scolastico provinciale di Bergamo, Caritas Diocesana Bergamasca, Centro Servizi Bottega del Volontariato (Csv) di Bergamo, e ha sede presso l’Istituto superiore “Mariagrazia Mamoli” di Bergamo.  
“Il principale obiettivo dello Sportello è quello di favorire il protagonismo giovanile nel volontariato, che per i ragazzi vuol dire crescita umana e culturale – spiega Luigi Roffia, dirigente dell’Usp di Bergamo e deve costituire una delle fondamentali linee di azione della scuola, anche per combattere e prevenire la dispersione scolastica facendo restare i ragazzi nella scuola, con sempre nuove motivazioni. La pratica del volontariato, infatti, contribuisce a valorizzare le attitudini e le competenze personali di ciascun ragazzo, e rappresenta un motore fondamentale per l’educazione alla cittadinanza attiva e alla convivenza civile”.
Venerdì 6 marzo prende il via un percorso di formazione rivolto a docenti e studenti dei dieci punti scuola volontariato degli istituti superiori bergamaschi.
In tre incontri si propone di favorire lo scambio reciproco di esperienze per rinforzare progettualità, metodologie, strumenti in campo. Venerdì 6 marzo a tema “Il Volontariato a scuola: esperienze a confronto”, giovedì 26 marzo “Ruolo e funzioni del docente /studente”, mercoledì 22 aprile i “Punti Scuola e Sportello provinciale: verso una prospettiva di rete”. Gli incontri si terranno dalle ore 9.30 alle 16.30 presso la sede della Caritas, in via Conventino 8, a Bergamo.
Durante il corso saranno affrontati i seguenti temi:analisi dei modelli di punti scuola; lo scambio di esperienze attraverso la riflessione sugli strumenti adottati; ruolo e funzioni dei protagonisti del punto scuola volontariato (docenti e studenti); la relazione tra Sportello e punti scuola: la comunicazione e gli strumenti.
Gli incontri sono rivolti in particolare al docente referente del volontariato e ad un docente collaboratore (membro della commissione volontariato), agli studenti, da due a quattro per ciascun punto scuola volontariato.
Lunedì 9 marzo, invece,prende il via il corso di formazione “Il volontariato a scuola: idee, prassi e unità didattiche” per tutti i docenti delle scuole bergamasche di ogni ordine e grado.
Ci si confronterà sull’argomento il 9 marzo, il 3 aprile e il 27 aprile, sempre dalle 14.30 alle 17.30, presso l’aula magna dell’Istituto superiore “Mamoli” di Bergamo, sede dello Sportello (via Brembilla 3, zona Longuelo).
Durante il corso si parlerà di come elaborare un progetto scolastico sulla solidarietà e il volontariato (studio di casi, buone prassi, elaborazione di unità didattiche); quali spazi di autonomia utilizzare per progetti didattici mirati relativi a solidarietà e volontariato. Gli incontri del 9 marzo e del 27 aprile vedranno la partecipazione del sociologo Tarcisio Plebani.

Al termine dei rispettivi corsi di formazione verrà rilasciato un attestato di partecipazione. La scheda di iscrizione, che si trova sul sito http://www.istruzione.bergamo.it/, va inviata all’Ufficio scolastico provinciale di Bergamo ( [email protected] ) oppure allo Sportello ( [email protected] ). Maggiori informazioni telefonando al numero 035/284228.