Home Archivio storico 1998-2013 Generico Impegno civile in teatro

Impegno civile in teatro

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Nell’ambito della nuova stagione teatrale proposta dalla "Fondazione Sipario Toscana" (tel. 050/744400), il 27 gennaio al Teatro Politeama di Cascina (PI) si è svolto un incontro su "La Giornata della Memoria – 1944-2001: crimini contro l’umanità – Un problema aperto".

L’incontro, realizzato in collaborazione con Amnesty International e la Provincia di Pisa, fa parte della sezione L’impegno civile, che prosegue al Teatro Rossini di Pontasserchio (PI) con lo spettacolo di Marco Paolini "I TIGI – Canto per Ustica", che ricorda la tragedia dell’inabissamento dell’aereo precipitato nelle acque del Tirreno a largo dell’isola di Ustica. Ad oltre vent’anni da quell’evento, che causò la morte di ottantuno persone, lo spettacolo pone l’accento sui silenzi, sull’omertà, sui depistaggi che, accomunando nell’oltraggio le vittime, i loro familiari, il diritto, hanno contrastato la giustizia e in parte occultato la verità. Ricerca di giustizia e di verità (anche attraverso testimonianze coraggiose) contro le menzogne del "potere". Lo spettacolo, che tra rabbia e dolore commemora le vittime di Ustica, verrà proposto il 31 gennaio.

Nella sezione L’impegno civile del cartellone serale presentato dalla Fondazione Sipario Toscana (visionabile sul sito www.politeama.net) anche lo spettacolo "Buenos Aires non finisce mai", interpretato da Ottavia Piccolo e liberamente ispirato al romanzo "Le irregolari" di Massimo Carlotto: si parla della tragedia dei desaparecidos, che ha segnato l’Argentina a partire dalla seconda metà degli Anni Settanta, e della lotta silenziosa, costante e coraggiosa delle donne di "Plaza de Mayo", molte delle quali sono madri che chiedono di conoscere la sorte dei propri figli fatti sparire ed uccisi dal regime militare argentino nei bui anni della dittatura. Anche in questo caso un "potere" privo di scrupoli e una dolorosa ricerca di giustizia. Ed anche la speranza di una dura condanna (non solo morale!) per gli assassini e i torturatori di chi aveva il solo torto di opporsi ad un regime criminale, che ha goduto per molti anni di colpevoli connivenze e protezioni, o di che era soltanto sospettato di essere un "potenziale" oppositore. Lo spettacolo andrà in scena al Teatro Rossini il 20 aprile prossimo.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese