Home Archivio storico 1998-2013 Generico Imprenditoria femminile: integrazione degli stanziamenti per il 2003

Imprenditoria femminile: integrazione degli stanziamenti per il 2003

CONDIVIDI
  • Credion

Allo scopo di finanziare un più elevato numero di domande pervenute al Ministero delle Attività Produttive a sostegno dell’imprenditoria femminile, sono state individuate, con il decreto 17 ottobre 2003 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 novembre 2003, risorse finanziarie integrative del fondo già stanziato nel 2002.
Le risorse finanziarie disponibili da ripartire tra le regioni ammontano a 99.915.677,26 euro.
La quota delle risorse viene calcolata sulla base della popolazione femminile residente ponderata, in misura direttamente proporzionale, in base all’indice di disoccupazione femminile, secondo l’ultima rilevazione ufficiale disponibile.

Gli interventi agevolativi s’inquadrano nelle disposizioni normative della la legge 25 febbraio 1992, n. 215, recante «Azioni positive per l’imprenditoria femminile» e nel Regolamento 28 luglio 2000, n. 314, che disciplina il procedimento relativo agli interventi a favore dell’imprenditoria femminile.

Lo stanziamento di euro 99.915.677,26 è ripartito come segue:

– euro 92.115.677,26 per la concessione di agevolazioni a favore delle iniziative di cui all’art. 2, comma 1, lettera a), del decreto del Presidente della Repubblica n. 314/2000;
– euro 7.800.000,00 per la concessione di agevolazioni a favore delle iniziative di cui all’art. 2, comma 1, lettera b), del decreto del Presidente della Repubblica n. 314/2000.

Queste risorse sono destinate al finanziamento delle domande di agevolazione presentate dalle imprese entro il 15 aprile 2003 a valere sul 5° bando (bando 2002).