Home Generale “Indicatemi i risparmi”: Renzi scrive ai ministeri

“Indicatemi i risparmi”: Renzi scrive ai ministeri

CONDIVIDI

Saltano dunque gli incontri previsti sulla spending rewiev, ma rimane l’obiettivo dei tagli alla spesa pubblica.  In finanziaria ci saranno meno tasse sul lavoro, afferma il premier. E sottolinea: lo stop della caduta del Pil non basta per ripartire. Allo studio anche un ulteriore taglio dell’Irap o del cuneo fiscale per le categorie non toccate dagli 80 euro.

Ma Stefano Fassina ritiene “impossibile sul piano politico” tagliare 15 o 20 mld di spesa. “Se si cercasse di farlo – dice – si aggraverebbe la condizione economica del Paese, oltre a intervenire in modo molto negativo su Welfare, spesa sociale, spesa per la Sanità e per la Scuola”.

Tuttavia il premier valuterà l’entità dei risparmi proposti e si deciderà se serviranno colloqui individuali con l’indicazione tassativa di un taglio del 3% per ogni ministero e ciò avverrà soltanto una volta che sarà arrivato il piano per i singoli ministeri.

Icotea

Operazione difficile e per la quale la ministra della salute, Beatrice Lorenzin, ha già messo le mani avanti:   “Spero che il Fondo sanitario nazionale non venga toccato perché siamo nel mezzo di una grande riforma, il Patto per la salute. Una volta messe a regime le iniziative previste dovrebbero darci diversi miliardi di euro da reinvestire ad esempio in nuove linee di ricerca, oltre per i farmaci innovativi. Se poi ci sarà una necessità reale dello Stato bisognerà affrontarla. Altra cosa sarà il contributo che il ministero dovrà dare, ma è un contributo diverso”.

E gli altri ministri, che diranno?