Home Didattica Indicazioni nazionali 2012: sono ancora il riferimento per la valutazione alla scuola...

Indicazioni nazionali 2012: sono ancora il riferimento per la valutazione alla scuola primaria

CONDIVIDI
  • Credion

Da quest’anno scolastico 2020/2021 la valutazione periodica e finale degli apprendimenti nella scuola primaria sarà espressa, per ciascuna delle discipline di studio previste dalle Indicazioni Nazionali, compreso l’insegnamento trasversale di educazione civica, attraverso un giudizio descrittivo riportato nel documento di valutazione, e non più con un voto numerico.

Ordinanza Ministeriale sulla valutazione nella scuola primaria

Linee Guida

Anche alla luce della Ordinanza 172 del 4 dicembre 2020 e delle Linee guida, le Indicazioni Nazionali del 2012 restano pertanto il punto di riferimento della valutazione nella scuola primaria.

Icotea

Su miur.gov.it linee guida valutazione e materiali webinar

Valutazione scuola primaria, le faq sulla predisposizione del documento

Obiettivi di apprendimento disciplinare

Le indicazioni Nazionali costituiscono infatti il documento di riferimento principale per individuare e definire gli obiettivi di apprendimento disciplinari e quelli ispirati ai traguardi per lo sviluppo delle competenze.

Nel Curricolo di Istituto gli obiettivi sono ulteriormente articolati e sono, infine, definiti nella progettazione annuale della singola classe. All’interno di questi documenti, i docenti della classe individuano, per ogni disciplina, gli obiettivi di apprendimento più significativi ai fini della valutazione.

Indicazioni nazionali 2012

Cosa prevedono le Indicazioni nazionali

Come stabiliscono le Indicazioni Nazionali, “le verifiche intermedie e le valutazioni periodiche e finali devono essere coerenti con gli obiettivi e i traguardi previsti dalle Indicazioni e declinati nel curricolo… [Essi] rappresentano dei riferimenti ineludibili per gli insegnanti, indicano piste culturali e didattiche da percorrere e aiutano a finalizzare l’azione educativa allo sviluppo integrale dell’allievo”. In questo senso, le Indicazioni Nazionali – come declinate nel Curricolo di Istituto e nella programmazione annuale della singola classe – costituiscono il documento di riferimento principale per individuare e definire il repertorio degli obiettivi di apprendimento, oggetto della valutazione periodica e finale di ciascun alunno in ogni disciplina. Più specificamente, la normativa indica che “gli obiettivi di apprendimento individuano campi del sapere, conoscenze e abilità ritenuti indispensabili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze”.

I nuclei tematici delle Indicazioni Nazionali costituiscono il riferimento per identificare eventuali aggregazioni di contenuti o di processi di apprendimento.