Home Generale “Indignamoci!” per i diritti dei bambini in pericolo

“Indignamoci!” per i diritti dei bambini in pericolo

CONDIVIDI

“Dall’inizio del 2014 circa 30 milioni di bambini hanno lasciato le proprie case a causa di guerre, violenza e persecuzioni. Più di 2 milioni di bambini rifugiati hanno trovato riparo in Egitto, Iraq, Giordania, Libano e Turchia. In Iraq, 1,3 milioni di bambini sono sfollati. Nello Yemen, 2,3 milioni di bambini sono sfollati e 573 sono stati uccisi negli ultimi 6 mesi. In Sud Sudan più di 1 milione di bambini sono sfollati a causa del conflitto. In Nigeria, Camerun, Niger e Chad, 1,4 milioni di bambini sono stati costretti a lasciare il loro paese a causa del gruppo armato di Boko Haram. La crisi dei rifugiati e migranti in Europa è una crisi che colpisce drammaticamente i bambini: da gennaio 215.000 minorenni – 700 al giorno-  hanno cercato asilo nell’UE tra gennaio e settembre 2015.700 bambini sono morti nel 2015 attraversando il Mediterraneo. Questi bambini, come i nostri figli, hanno diritto a crescere sani, a giocare, ad andare a scuola, ad avere un futuro”.

Lo ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera –“Per difendere i loro diritti, l’UNICEF Italia lancia la petizione “Indigniamoci!”, che è possibile firmare su www.unicef.it/indigniamoci”.

Icotea

La petizione viene lanciata in occasione della celebrazione della Giornata Internazionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, il prossimo 20 novembre e rilancia la campagna “Bambini in pericolo” che proseguirà fino a Natale.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

 

{loadposition bonus}

 

L’obiettivo dell’UNICEF Italia è richiamare l’attenzione sul dramma dei bambini e adolescenti esposti a ogni pericolo ogni giorno, minacciati da guerre e malattie, malnutriti e derubati dell’infanzia. E tutti  i bambini migranti, profughi e rifugiati sono prima di tutto bambini in pericolo.

L’UNICEF chiede al Governo italiano di garantire per questi bambini e adolescenti migranti e rifugiati:

  • il rispetto del superiore interesse e dell’ascolto dei bambini e degli adolescenti quando vengono prese delle decisioni che li riguardano.
  • Strutture di accoglienza a misura di bambino e bambina e accesso ai servizi, alle cure mediche e all’istruzione, senza alcuna discriminazione.
  • Protezione da violenze, abusi e sfruttamento.
  • Certezza che nessun bambino e adolescente sia detenuto a causa del suo status legale o di quello dei sui genitori.  
  • L’unità familiare.
  • Viaggi sicuri e visti umanitari per i bambini e le proprie famiglie.
  • L’Intensificazione delle operazioni di ricerca e salvataggio.
  • Maggiori fondi per i bambini migranti e rifugiati in Europa.
  • Un impegno per affrontare le cause alla radice dell’enorme movimento di bambini migranti e rifugiati, intervenendo nei paesi d’origine.

A Natale la petizione sarà presentata con le firme raccolte al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, “perché il giorno di Natale possa essere per questi bambini l’inizio di un futuro libero dalla paura, dalla fame, dal freddo e dalle malattie”, ha concluso il Presidente Guerrera.  

Firma la petizione su WWW.UNICEF.IT/INDIGNAMOCI