Home Politica scolastica Internet veloce, presto lo avremo in tutte le scuole

Internet veloce, presto lo avremo in tutte le scuole

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nella pubblica amministrazione il tempo delle connessioni al web difficoltose sta scadendo: presto, almeno queste sono le intenzioni, la banda larga di internet verrà collocata in tutti gli uffici dello Stato, come nelle scuole e presidi sanitari.  A stabilirlo è la Carta della cittadinanza digitale che apre la riforma della Pubblica Amministrazione.

“Garantire la disponibilità di connettività a banda larga e l’accesso alla rete presso gli uffici pubblici e gli altri luoghi che, per la loro funzione, richiedono” il collegamento al web: così c’è scritto nel nuovo articolo uno, come riformulato dal relatore, del disegno di legge delega sulla P.a. Per ora è un principio, sarà poi un decreto legislativo del governo a darne piena attuazione. Ma anche qui il testo dell’emendamento diventa più stringente, accorciando i tempi massimi per i decreti attuativi a un anno, prima era un anno e mezzo, dall’approvazione del ddl.

Sempre che la proposta presentata dal relatore del provvedimento, Giorgio Pagliari (Pd), passi ‘immune’ l’iter parlamentare. La realizzazione di quello che per adesso è solo un titolo permetterebbe di superare il cosiddetto ‘digital divide’. Tuttavia, tiene a precisare il ministro della P.a, Marianna Madia, il tutto non deve suonare come un’imposizione per le amministrazioni, occorre, invece, “cambiare approccio”: assicurare connessioni veloci e wi-fi non perché “è un obbligo” ma perché “è un diritto per il cittadino, a cui devono essere garantiti livelli essenziali anche sul versante digitale”. Il risultato però non cambia: lo Stato, in tutte le sue articolazioni, si trasferirà online, almeno stando al provvedimento.

ICOTEA_19_dentro articolo

E non è solo un fatto di connessione, sono tanti i punti in cui si snoda la Carta delle cittadinanza digitale, che tra l’altro prevede la definizione di livelli minimi di digitalizzazione, accompagnati da “speciali regimi sanzionatori e premiali per le amministrazioni”.

 

{loadposition articologoogle}

 

L’impressione è che si voglia finalmente dare un’accelerata. E ci sono buoni motivi: dati Istat alla mano, pure se aggiornati al 2012, una rete diffusa in quasi tutti i comuni italiani (99,7%), ma se si guarda alle connessioni con velocità da banda larga le cose cambiano (la percentuale scende al 75,1%).

Il fronte più caldo è però rappresentato dalla scuola: stando sempre a dati dell’Istat, oltre la metà dei cosiddetti ‘nativi digitali’, tra i 6 e i 10 anni, non ha mai navigato su internet. D’altra parte, come si fa in una scuola, sempre quella italiana, che alla primaria mette a disposizione un computer connesso ad internet ogni 333 bambini?

E nelle nostre scuole superiori non va meglio, visto vi è a disposizione appena un computer ogni 12 studenti. Niente a che vedere con la Danimarca (un computer per studente), Norvegia (un pc ogni due studenti) e Francia (uno ogni tre). Anche sull’informatizzazione scolastica studentesca, il nostro Paese, purtroppo, rimane più vicino alla Grecia (un pc per 17 allievi) e Turchia (uno per 22).

A livello generale, infine, è tutto dire che nell’estate scorsa dal rapporto nazionale Glocus, il think tank presieduto da Linda Lanzillotta, è emerso che il 18,5% dei plessi scolastici non è nemmeno connesso a internet: in questi istituti si farebbe un salto tecnologico davvero lungo, dal nulla direttamente alla banda larga.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

 

Preparazione concorso ordinario inglese