Home Attualità Istat: aumentano gli inattivi, +53.000

Istat: aumentano gli inattivi, +53.000

CONDIVIDI
  • Credion

Secondo gli studiosi di Adapt, la scuola fondata da Marco Biagi, lo scenario che emerge dai dati diffusi questa mattina dall’Istat, sull’occupazione italiana nel mese di settembre 2015, sono del tutto preoccupanti

Una “realtà meno rosea e lineare di quella dipinta da molti osservatori negli ultimi mesi”. E sono stati “spesi 15 miliardi di euro (forse 20) per non incidere in alcun modo sulla vera priorità italiana, anche in termini di produttività, e cioè incrementare il numero di occupati”.

Icotea

Annotano gli esperti di Adapt: “Ricordando che i dati di luglio-agosto-settembre andranno rivisti quando saranno pubblicati i dati del III trimestre, si nota che il numero degli occupati è in calo di 36mila unità, ma soprattutto preoccupa l’aumento degli inattivi, +53mila in tutto, di cui +22mila tra i giovani”.

“Il calo degli occupati inchioda l’Italia ad un tasso di occupazione del 56,5%, ormai inferiore di 3 punti a quello spagnolo e ultimo in Europa, escludendo nazioni colpite da profonda crisi economico-sociale. Il numero di persone che lavorano nel nostro Paese resta il problema principale, sia sociale che di sostenibilità del sistema economico e di welfare. L’aumento degli inattivi non fa che aggravare una situazione preoccupante in cui solamente un terzo della popolazione ha un lavoro e deve quindi sostenere sé e altre due persone”, spiega la nota di Adapt.

Anche il “positivo calo del tasso di disoccupazione (ora all’11,8%) è limitato ad uno 0,1% -avvertono gli esperti del mercato del lavoro- e di questo passo si potrà tornare a livelli pre-crisi, se non vi saranno incidenti di percorso, intorno al 2020”.

“Rispetto alla tipologia di occupati non si riscontra l’attesa “rivoluzione copernicana” basata sulla stabilità delle nuove assunzioni -osservano gli studiosi di Adapt- infatti nel mese di settembre si sono persi 21mila posti di lavoro a tempo indeterminato rispetto ai 4mila a termine. Su base annua poi, i contratti a tempo indeterminato crescono dell’0,8% segnando una lieve inversione di tendenza ma sempre ampiamente distaccati dall’aumento del 4,6% dei contratti a tempo determinato, che continuano ad essere di gran lunga la modalità preferenziale con la quale le imprese assumono”.

Insomma, “settembre sembra averci riportato alla dura realtà del mercato del lavoro italiano, dopo un momento di positivo influenzato dagli effetti (brevi) della decontribuzione e dell’occupazione stagionale estiva. Le variazioni dei tassi restano comunque nell’ordine dello 0,1% il che può far concludere che più di ogni analisi vince il fatto che la situazione è ancora di sostanziale stagnazione”.

Conclude la nota Adapt: “Sono stati quindi spesi 15 miliardi di euro (forse 20 secondo le nostre stime) per non incidere in alcun modo sulla vera priorità italiana, anche in termini di produttività, e cioè incrementare il numero di occupati. A fronte di 790mila contratti che hanno usufruito della decontribuzione prevista dalla legge di stabilità del 2015 sono solo 101mila i posti di lavoro in più a tempo indeterminato. Questi fondi sono stati quindi utilizzati unicamente per conversioni e sulla base di una idea di stabilità che manca tanto nella legge quanto nella realtà del mercato del lavoro”.