Home Graduatorie La guerra ai trasferimenti di provincia

La guerra ai trasferimenti di provincia

CONDIVIDI

 

Lo ha precisato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, rispondendo alle domande dei telespettatori nel corso della diretta della trasmissione televisiva ‘Orario continuato’ su TeleLombardia; “Ci sono molte criticità che riguardano gli insegnanti e anche noi abbiamo protestato con Renzi perché nelle graduatorie approvate dal Governo viene data la precedenza a chi viene da fuori regione, scavalcando nelle graduatorie i nostri insegnanti e questo non è giusto”.

Ma quella precedenza i precari meridionali non l’hanno guadagnata accumulando punteggio per decenni?

Icotea

“Per questo – ha detto Maroni – noi abbiamo chiesto concorsi regionali per gli insegnanti, non si capisce perché qualcuno debba sempre avere la precedenza, ma questo purtroppo non dipende dalla Regione”. Anche Matteo Salvini è da tempo sulla stessa linea d’onda e invoca i concorsi pubblici regionali come unica soluzione.

Concorsi regionali riservati? E’ un’ipotesi ardua, di difficile attuazione.
E forse queste questioni si riveleranno, infine, pure inutili. Dal prossimo anno con 150mila assunzioni (a costo zero, come sottolineato in un precedente articolo http://www.tecnicadellascuola.it/item/6174-i-fondi-per-l-assunzioni-dei-precari-ci-sono.html), le graduatorie ad esaurimento saranno solo un brutto, lontano ricordo. Speriamo.