Home Politica scolastica La lettera della preside ai docenti: “Bravissimi, non vi siete mai arresi”

La lettera della preside ai docenti: “Bravissimi, non vi siete mai arresi”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“L’ispirazione per scrivere la lettera mi è venuta dalla lettura e consultazione degli elaborati realizzati dai ragazzi per l’esame di terza media, parole che definivano un ritratto di quelli che sono stati i loro tre anni mi hanno fatto percepire con quale anima i docenti li hanno seguiti”.

Così la dirigente scolasticaDO dell’istituto ‘Pertini’ di Trapani Marialaura Lombardo racconta all’agenzia di stampa DIRE, le emozioni che l’hanno spinta a scrivere una lettera ai docenti: “Devo ringraziare i docenti a 360 gradi per come si sono spesi per eliminare le distanze- conclude la preside Lombardo- sono orgogliosa di loro e convinta che la scuola, tra mille difficoltà, non si è fermata. Si è invece avvicinato al modello di scuola che desidero”.

“Mentre il mondo era risucchiato dal silenzio, frastornato dall’eco incessante del susseguirsi di notizie che ipotecavano il nostro futuro – scrive la preside nella lettera – divorato dalla paura di non risvegliarsi, voi come api laboriose avete alimentato giorno per giorno le idee e l’ingegno per superare voi stessi e raggiungere gli altri. Con mente, cuore, passione e dedizione non avete esitato a cimentarvi nell’apprendimento dell’utilizzo di nuove tecnologie, nella creazione di materiali didattici, nella gestione virtuale degli studenti e delle loro famiglie. Avete coltivato il tempo dell’ascolto, dell’accoglienza e del supporto e ne avuto saputo fare non solo esiti scolastici ma relazioni umane. Avete reso testimonianza che la scuola è viva e vita – prosegue la preside – perché siete riusciti a sostenere una comunità nel non arrendersi al torpore di un momento che ci stava paralizzando. Abbiamo dimostrato che la resilienza e l’unita’ sono i nostri caratteri distintivi. Avete vinto concorsi, realizzato prodotti didattici, creato reti comunicative”. 

ICOTEA_19_dentro articolo
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese