Home Generale La pubblica amministrazione italiana? Ultima

La pubblica amministrazione italiana? Ultima

CONDIVIDI
  • Credion

“Fatta 100 la frontiera tecnologica di come una burocrazia di un Paese avanzato può gestire regolamentazione, risorse umane, incentivi, servizi pubblici, trasparenza dei processi decisionali (caso in specie: il Canada o la Nuova Zelanda), l’Italia è a 20”, mentre la media dei Paesi economicamente avanzati è 60”: più al di sotto di così non si può.

Lo scrive Il Sole 24 Ore che riporta i dati recentemente pubblicati dal International Civil Service Effectiveness (InCiSE) Index della scuola di amministrazione pubblica dell’Università di Oxford, secondo cui dunque, utilizzando una serie di indicatori provenienti da varie fonti e sintetizzando i risultati in un indice di efficacia amministrativa, l’Italia risulta al 27esimo posto, precedendo solo Repubblica Ceca, Grecia, Ungheria e Slovacchia.

Icotea

 

{loadposition carta-docente}

 

Sulla base di questo indice, la voce di costo di una azienda per potere usufruire dei servizi della p.a.,  potrebbe essere cinque volte più alta che una canadese.