Home Sicurezza ed edilizia scolastica La soglia massima di alunni per classe

La soglia massima di alunni per classe

CONDIVIDI

Nel 2016 un gruppo di genitori organizzò un ricorso al Tar di Napoli denunciando la suddivisione di 43 alunni, di cui 5 disabili, in due classi.

Il giudice accettò il ricorso e con la sentenza 4706/2016  ricordò che la soglia di 20 alunni (qualora in classe sia presente una o più disabilità) rappresenta “ un presidio dell’adeguatezza dell’offerta formativa, nonché una forma di garanzia del loro diritto costituzionale all’istruzione”. Inoltre, il giudice evidenziò che quando l’edificio scolastico è ubicato in una zona ad altro rischio sismico, la soglia massima di alunni per classe deve per obbligo scendere a 17.

Se non ci sono alunni disabili il Dirigente Scolastico deve attenersi ai seguenti limiti:

ICOTEA_19_dentro articolo
  • scuola dell’infanzia: minimo 18, massimo 26 alunni per classe;
  • scuola primaria: minimo 15 (il limite si abbassa a 10 nei Comuni di montagna, nelle piccole isole e nelle aree geografiche abitate da minoranze linguistiche), massimo 26 alunni per classe;
  • scuola secondaria di I grado: minimo 18, massimo di 27 (il limite si abbassa a 18 nei Comuni di montagna, nelle piccole isole e nelle aree geografiche abitate da minoranze linguistiche);
  • scuola secondaria di II grado: minimo 27, massimo 30 alunni per classe.

Si ricorda che l’Italia è uno dei Paesi a maggiore rischio sismico del Mediterraneo, per la sua particolare posizione geografica, nella zona di convergenza tra la zolla africana e quella eurasiatica. La sismicità più elevata si concentra nella parte centro-meridionale della Penisola, lungo la dorsale appenninica (Val di Magra, Mugello, Val Tiberina, Val Nerina, Aquilano, Fucino, Valle del Liri, Beneventano, Irpinia), in Calabria e Sicilia e in alcune aree settentrionali, come il Friuli, parte del Veneto e la Liguria occidentale. Solo la Sardegna non risente particolarmente di eventi sismici.

CONDIVIDI