Home Archivio storico 1998-2013 Estero La teoria della relatività di Einstein: per uno scienziato kosovaro è infarcita...

La teoria della relatività di Einstein: per uno scienziato kosovaro è infarcita d’errori

CONDIVIDI
  • GUERINI
Ancora dubbi sull’esattezza della teoria della relatività speciale di Einstein. A porli stavolta è un ex rivoluzionario kosovaro, oggi docente di fisica all’Università di Pristina, che ha appena pubblicato un libro intitolato “Il movimento relativo, giusta spiegazione ed errori di Einstein“, col quale afferma che la teoria della relatività speciale “è infarcita d’errori dalla A alla Z“.
Lo studioso si chiama Shukri Klinaku e contesta in primo luogo la macchinosità della teoria di Einstein. “Questa teoria – ha detto lo scienziato al portale Balkan Insight – si propone di spiegare il movimento relativo, ma il movimento relativo non è complesso come viene presentato nella teoria della relatività speciale e non è complesso come i fisici lo presentano al pubblico. Noi conviviamo quotidianamente con il movimento relativo, se fosse tanto complesso saremmo confusi a ogni passo“. Ed il professore kosovaro dice di aver identificato anche errori nelle dimostrazioni matematiche di Einstein.
Ex vice presidente del Movimento di liberazione nazionale kosovaro – il braccio politico della guerriglia anti-serba dell’Uck- Klinaku – formò poi un gruppo dissidente. Oggi è un outsider della comunità scientifica del suo Paese, indipendente dal 2008. (segue)
Gli studiosi erano sorpresi e curiosi” ha detto il professore dell’Università di Pristina delle reazioni al suo libro. “Mi ha preoccupato molto più l’inattesa reazione di incomprensibile rigetto di molti miei colleghi fisici. Non chiedo di applaudirmi o di credermi. Sarei felice – si è rivolto Klinaku alla comunità scientifica – se leggessero il libro e poi giudicassero, non prima“.
Uno scetticismo che Klinaku attribuisce alla “anormale situazione prevalente nell’educazione scientifica in Kosovo” dove, a sua detta, “se il sistema di istruzione fosse meglio organizzato, le mie idee verrebbero accolte molto meglio“. Non a caso, il libro dello scienziato sta avendo un certo seguito a Tirana, in Albania.