Home Attualità Una scuola siciliana a Bruxelles per proteggere l’ambiente

Una scuola siciliana a Bruxelles per proteggere l’ambiente

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Quest’anno la Sicilia sarà protagonista, in rappresentanza dell’Italia, per un importante evento europeo dedicato ai giovani del Comitato economico e sociale europeo (CESE), “La vostra Europa, la vostra opinione!” (Your Europe, Your Say! – YEYS), che riunirà, il 19 e 20 marzo, alunni di 33 scuole secondarie di tutta Europa a Bruxelles per discutere di come proteggere l’ambiente nel modo migliore, all’insegna del motto “Il nostro clima, il nostro futuro!”.

E’ siciliana, infatti, l’unica scuola del territorio nazionale che parteciperà all’evento: l’ITI Enrico Fermi di Siracusa è stato selezionato, mediante sorteggio avvenuto a Bruxelles il 27 novembre 2019, per partecipare al significativo evento.

In sostanza è stata estratta a sorte una scuola per ciascuno dei 28 Stati membri dell’UE e dei cinque paesi candidati all’adesione (Albania, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Turchia). Ogni scuola selezionata sarà rappresentata da tre studenti di età compresa tra i 16 e i 18 anni, accompagnati da un insegnante. Quasi 800 scuole si sono candidate a partecipare all’edizione 2020.

ICOTEA_19_dentro articolo

Intanto per preparare gli studenti ai dibattiti, Il 26 febbraio, Ester Vitale, membro del Comitato economico e sociale europeo (CESE), ha visitato la scuola siracusana per presentare sia l’Unione europea che il CESE e illustrare il lavoro di queste istituzioni a favore dei giovani, nonché per spiegare come si svolge l’evento e che cosa viene chiesto ai partecipanti.

YEYS 2020 intende raccogliere le idee brillanti e innovative degli studenti su come affrontare l’attuale crisi climatica e riuscire ad avvicinarsi al traguardo di un’Europa neutra dal punto di vista climatico entro il 2050. Sotto la supervisione e la guida di giovani moderatori, gli studenti discuteranno le loro proposte seguendo un formato ispirato alla conferenza internazionale sul modello della COP (Conferenza delle Parti) sul clima delle Nazioni Unite.

I ragazzi inoltre incontreranno esponenti di organizzazioni giovanili internazionali, che li aiuteranno a tradurre le loro idee e proposte in una serie di raccomandazioni concrete.

Il CESE si incaricherà di trasmettere queste raccomandazioni ai responsabili politici internazionali in materia di ambiente e di fare in modo che vengano discusse in seno a conferenze che si terranno in Europa durante tutto l’anno.

Non resta che augurare buon lavoro agli studenti selezionati che parteciperanno all’evento, che la nostra collaboratrice Silvana La Porta seguirà direttamente a Bruxelles per la Tecnica della Scuola.

Informazioni più dettagliate su YEYS 2020 sono disponibili sulla pagina ufficiale dell’evento. Per vedere il video di YEYS 2019 cliccare qui.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese