Home Precari Le proteste dei docenti “ingabbiati” contro il DdL

Le proteste dei docenti “ingabbiati” contro il DdL

CONDIVIDI

I docenti di ruolo INGABBIATI dicono “NO” al DdL “la buona scuola” del Governo Renzi.

Dell’intero impianto apprezzano il piano delle assunzioni e quanto previsto all’art. 7, comma 3 lett. d) (Utilizzo del personale docente di ruolo in classi di concorso diverse da quelle per le quali possiede l’abilitazione, purché possegga titolo di studio valido per l’insegnamento), ma contestano fortemente la discrezionalità attribuita al dirigente.

Portano a conoscenza del Governo e del sottosegretario Toccafondi che grazie all’art. 36 del Ccnl comparto scuola, esiste anche una categoria di docenti che seppure di ruolo hanno accettato incarichi annuali da graduatoria di 3ª fascia d’istituto per l’insegnamento in “altra classe di concorso” per la quale sono privi di abilitazione e che sulla base della risposta all’interrogazione parlamentare presentata dal senatore F. Bocchino e altri, fornita dal sottosegretario sopramenzionato, questi docenti hanno diritto, alla pari dei precari, di vedersi VALORIZZARE L’ESPERIENZA PROFESSIONALE vissuta.

Icotea

Pertanto, prima di procedere al piano delle assunzioni che NON dovrà avvenire per ”albi territoriali”

 

CHIEDONO

 

1) La possibilità di scegliere se insegnare in altre classi di concorso o ordine di scuola per mezzo di un piano straordinario di passaggio di cattedra e/o di ruolo purché in possesso di titolo valido per l’insegnamento accompagnato da uno dei seguenti punti:

 

a) esperienza professionale attestata da servizio almeno annuale prestato nella nuova classe di concorso;

b) corso di riconversione professionale abilitante riservato ai docenti di ruolo;

 

2) Il licenziamento per giusta causa dei DOCENTI FANNULLONI una volta accertata l’inconsistenza dell’intervento didattico previsto.

3) Il mantenimento della mobilità professionale e delle assegnazioni provvisorie;

4) Il mantenimento del sistema delle graduatorie provinciali e d’istituto per il reclutamento dei docenti che potrà prevedere anche una graduatoria regionale o nazionale. Unico sistema leale e trasparente.

 

Si appellano a tutte le autorità competenti, Sindacati, Onorevoli, Senatori che hanno a cuore il vero BENE della scuola italiana affinché blocchino questo enorme mostro di DdL che rimarrà nella storia anche se dovesse essere fermato.

 

COMITATO NAZIONALE pro-PAS per DOCENTI di ruolo INGABBIATI

Il Coordinatore

Roberto GUASTELLA