Home Contabilità e bilancio Le spese d’istruzione detraibili nel 730/2017

Le spese d’istruzione detraibili nel 730/2017

CONDIVIDI
  • GUERINI

Viaggi di istruzione, mensa ed erogazioni liberali sono solo alcune delle spese d’istruzione che si potranno detrarre nel 730/2017.

Tutte le novità di quest’anno, già anticipate in questa notizia, sono contenute in una corposa circolare dell’agenzia delle entrate, la n. 7 del 4 marzo 2017.

Icotea

In sintesi, è possibile detrarre il 19% delle spese sostenute per la frequenza delle scuole dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione del sistema nazionale di istruzione (scuole statali e scuole paritarie private e degli enti locali), nonché delle scuole secondarie di secondo grado.

 

{loadposition carta-docente}

 

Si tratta in sostanza:

  • delle tasse (a titolo di iscrizione e di frequenza);
  • dei contributi obbligatori;
  • dei contributi volontari e le erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici o dai loro organi e sostenuti per la frequenza scolastica;
  • della spesa per la mensa scolastica e per i servizi scolastici integrativi quali l’assistenza al pasto e il pre e post scuola;
  • della spesa per le gite scolastiche, per l’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa deliberato dagli organi d’istituto (corsi di lingua, teatro, ecc., svolti anche al di fuori dell’orario scolastico e senza obbligo di frequenza). 

Non è invece possibile detrarre le spese sostenute per acquistare materiale di cancelleria e testi scolastici, e neppure il servizio di trasporto scolastico.

Al massimo è possibile detrarre 564 euro per l’anno 2016 per alunno o studente, da ripartire tra gli aventi diritto.

Si precisa che la detrazione non è cumulabile con quella prevista dall’art. 15, comma 1, lett. i-octies) del TUIR per le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici. Tale incumulabilità si riferisce al singolo alunno. 

 

{loadposition facebook}