Home Generale Libera Scuola in Libero Stato: il Governo d’accordo sul costo standard?

Libera Scuola in Libero Stato: il Governo d’accordo sul costo standard?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Libera scuola in libero Stato” è il titolo del convegno  che si è svolto il 13.02.2020 a Palazzo Giustiniani, a cui ha partecipato un’ampia trasversalità politica e istituzionale con l’apporto di autorevoli voci culturali del mondo universitario e associativo.

Pianificazione del costo standard

Non si potrà più dire- si legge su Le Formiche– “siamo all’ennesimo Convegno che ripete le stesse cose”, bensì “Siamo a un convegno unico, dopo il quale chi ha partecipato, se non si muove per attuare le cose dette, perde la faccia”. E infatti la soluzione è stata individuata nel pianificare i costi standard di sostenibilità che rendono effettivo il diritto di apprendere dello studente, di scelta educativa dei genitori, di insegnamento dei docenti.

Attenzione alle scuole paritarie

“Quindi ora si sposta l’attenzione dalla scuola paritaria tout court e ci si concentra sul diritto dei soggetti, collocando il pluralismo nella sua naturale dimensione strumentale”, si legge sempre su Le Formiche, poiché “l’ideologia ha avuto la meglio fino ad oggi”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Tutti d’accordo

In pratica tutti gli schieramenti, di maggioranza e di opposizione, hanno lanciato una richiesta unanime: si rivedano le linee di finanziamento di tutta la Scuola Italiana (statale e paritaria) attraverso i costi standard di sostenibilità per allievo.

Malpezzi e Fedeli

La Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (PD) Sen. Simona Flavia Malpezzi ha esordito: “Quando tu ami la scuola, non c’è forza politica che tenga” e dunque, oltre alle opposizioni,   l’appoggio più autorevole arriva proprio da una componente del Governo ed ex ministra dell’Istruzione; la sen. Valeria Fedeli cha ha dichiarato: “Mi auguro che la commissione sui costi standard di sostenibilità istituita con D.M. riprenda, e lo domando pubblicamente. Ciò che è stato ben fatto da un governo non deve essere cancellato dal successivo”… soprattutto se quest’ultimo ha fatto dell’aiuto ai poveri la propria bandiera politica.

Un “governo che non consente ai genitori la libertà educativa, agli studenti il diritto di apprendere, ai docenti delle paritarie di abilitarsi, sta favorendo, de facto, le scuole dei ricchi”.

Affermare il diritto alla libertà di scelta educativa

In altre parole, chiosa il giornale: “l’evento del 13 febbraio, unico per i protagonisti coinvolti, dimostra che, dopo venti anni, è doveroso riaffermare la libertà di scelta educativa dei genitori e il diritto alla libertà di insegnamento senza discriminazioni economiche. In questo senso si chiede al Governo un impegno concreto e puntuale. Bizzarro, questo sistema classista, per un governo che ha fatto dei poveri la propria bandiera elettorale”.

Questa la lista degli intervenuti:

La Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti CASELLATI

  • Promotrice dell’evento
    Intervento della Sen. Alessandra GALLONE
  • Rappresentanti dei Gestori delle Scuole Paritarie Cattoliche
    Padre Luigi GAETANI, Presidente Nazionale C.I.S.M.
  • Madre Yvonne REUNGOAT Presidente Nazionale U.S.M.I.
  • Rappresentante dei Gestori e dei Dipendenti delle Scuole Paritarie Laiche
    Luigi SEPIACCI, Presidente Nazionale A.N.I.N.S.E.I.
  • Rappresentante dei Gestori Istituti Dipendenti Scuole Paritarie
    Padre Francesco CICCIMARRA, Presidente Nazionale A.G.I.D.A.E.
  • Rappresentanti dei Genitori della Scuola Paritaria e della Scuola Statale
    Maria Grazia NASAZZI COLOMBO, Vicepresidente Forum delle associazioni familiari e Intervento dei Presidenti nazionali delle associazioni dei genitori Rosaria D’ANNA (A.G.E.) e Giancarlo FRARE (A.G.E.S.C.)
  • Rappresentanti delle Forze politiche di tutti gli schieramenti intervenuti
    Sen. Alessandra GALLONE (FI),  Sen Anna Maria BERNINI (FI) Sen. Lucio MALAN (FI), On. Valentina APREA (FI), Sen. Valeria FEDELI (PD), Sen. Mario PITTONI (Lega), Sen. Sandra LONARDO (FI), On. Paola FRASSINETTI (Fratelli D’Italia), Sen. Paola BINETTI (UDC), Sen. Simona Flavia MALPEZZI (PD), Sen. Giuseppe MOLES (FI), Sen. Roberta TOFFANIN (FI), Sen. Renato SCHIFANI (FI), Sen. Andrea CANGINI (FI).

Dal sito #Il diritto di apprendere

L’attesa, aggiungiamo noi,  è ora che anche tutte le altre minoranze religiose, culturali, ideologiche  e sociali si organizzino con scuole proprie,  per garantire, col costo standard, la libertà di scelta educativa.

Preparazione concorso ordinario inglese