Home La Tecnica consiglia L’importanza della sicurezza a scuola: intervista a Tommaso Barone

L’importanza della sicurezza a scuola: intervista a Tommaso Barone

CONDIVIDI

In Italia i ragazzi trascorrono nelle scuole in media dalle 4 alle 8 ore al giorno, per almeno 10 anni della loro vita. È importante, dunque, accertarsi che le condizioni di igiene e sicurezza degli ambienti scolastici siano adeguate e conformi con la normativa vigente.

Come regolamentato dall’art. 17 del D.Lgs. 81/2008, il Dirigente Scolastico ha l’obbligo di nominare, all’interno della sua istituzione scolastica, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, “RSPP”.

Icotea

In un’intervista a Tommaso Barone, esperto in materia di Sicurezza e Igiene nei luoghi di lavoro e specializzato, in particolare, nell’ambito scolastico, abbiamo cercato di approfondire l’argomento.

Tommaso Barone, quali sono i requisiti che un RSPP deve possedere per poter assolvere al proprio incarico?

Innanzitutto, è bene precisare che la nomina del RSPP rappresenta uno degli obblighi non delegabili del Dirigente Scolastico, in quanto Datore di Lavoro dell’Istituzione scolastica, come previsto dall’art. 17 del D.Lgs. 81/2008. Sempre all’interno del Testo Unico in materia di sicurezza, all’art. 32 si trovano requisiti professionali, accertata affidabilità ed esperienza pregressa di incarichi  di RSPP che bisogna possedere per poter svolgere questa funzione. In quanto prestazione altamente specialistica, bisogna rivolgersi a veri professionisti ed esperti nel settore.

Da quanto tempo svolge il compito di RSPP?

Praticamente da sempre. Ormai sono più di vent’anni che mi occupo di sicurezza nelle scuole.

Oltre all’attività di consulenza, si occupa anche della formazione professionale in materia di sicurezza. Quali corsi di formazione e aggiornamento svolge?

I corsi in materia di sicurezza vengono svolti mediante incontri frontali e in modalità e-learning, nel rispetto della normativa vigente. In particolare, sono rivolti a lavoratori nel settore Scuola, Addetti antincendio, RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), RSPP e Addetti gestione emergenza.

Oltre che consulente in materia di sicurezza nelle scuole, è il fondatore e preside dell’Istituto ICOTEA. Di cosa si tratta?

Non appena sono entrato a contatto con l’ambiente scolastico, ho sentito l’esigenza di creare un Istituto che fosse in grado di rispondere alle esigenze formative di aziende, liberi professionisti e privati. Così, nel 1998, nasce ICOTEA. Oggi  ICOTEA è un Istituto di formazione a distanza accreditato al MIUR che eroga corsi di formazione in modalità e-learning,  in aula o presso aziende. Siamo presenti su tutto il territorio nazionale e abbiamo più di 80 corsi attivi e oltre 2.000 iscritti.

I crolli di edifici scolastici sono ormai triste parte dell’attuale cronaca italiana. Come si può intervenire, secondo lei, per garantire maggiore sicurezza nelle nostre scuole?

Il problema della sicurezza a scuola è sempre più grave. Praticamente soltanto il 3% degli Istituti italiani è in ottimo stato di manutenzione e in media assistiamo a circa 44 crolli l’anno. Come in qualsiasi cosa, è sempre bene prevenire che curare. La sicurezza, infatti, non  è soltanto protezione, ma soprattutto prevenzione. È opportuno, prima di tutto, essere adeguatamente formati e informati in materia e fare continuamente tutti gli accertamenti e le verifiche richiesti dalle norme. Non dobbiamo aspettare che si verifichi la tragedia prima di intervenire!

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.tommasobarone.it o scrivere a [email protected].

PUBBLIREDAZIONALE