Home Alunni L’Infinito di Leopardi, le scuole celebrano i 200 anni

L’Infinito di Leopardi, le scuole celebrano i 200 anni [VIDEO]

CONDIVIDI

Da Recanati parte #200infinito”, la giornata organizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nata da un’idea di Olimpia Leopardi, realizzata con Casa Leopardi, in collaborazione con la RAI e con il Comune di Recanati.
Dalle 11.30 le scuole sono state le protagoniste, con una lettura collettiva di 2800 studenti de “L’infinito”. Alla lettura nella Piazzuola del Sabato del Villaggio, su cui affaccia la casa di Giacomo Leopardi, e lungo tutto il centro storico di Recanati, la città natale del poeta, ha partecipato anche il ministro Bussetti.

Bussetti ha dichiarato: “Rendere omaggio a L’Infinito è rendere omaggio all’Italia. L’infinito è parte di noi, è dentro di noi. Leopardi fu un genio e come tale è ancora con noi. È un uomo contemporaneo”.

Ecco gli studenti che recitano “L’Infinito” di Giacomo Leopardi

ICOTEA_19_dentro articolo

Alcune foto della manifestazione fornite dal Miur

 

Si tratta di una parte delle iniziative legate ai 200 anni de l’Infinito. il flash mob al quale si sono uniti migliaia di ragazzi e di cittadini in tutta Italia, ritrovandosi all’interno di istituti scolastici, di biblioteche, nelle piazze e per le strade, per recitare simultaneamente i versi di uno dei componimenti più noti e amati della letteratura italiana.

 

L’evento a Recanati

Lungo la via principale del centro storico di Recanati oltre 2.800 studenti delle scuole recanatesi (gli Istituti Comprensivi “N. Badaloni” e “B. Gigli”, gli Istituti d’Istruzione Superiore “V. Bonifazi” e “E. Mattei” e il Liceo “Giacomo Leopardi”) hanno recitato i versi de “L’Infinito”.

Durante l’evento, inoltre, sono premiati gli istituti vincitori del Concorso Nazionale “Il mio Infinito”, rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado, con l’obiettivo di stimolare la riflessione, la creatività e l’espressività degli studenti attraverso un percorso che li ha portati a cimentarsi con la propria visione di “Infinito”.