Home Università e Afam L’università Milano-Bicocca studia la lezione a distanza perfetta

L’università Milano-Bicocca studia la lezione a distanza perfetta

CONDIVIDI
webaccademia 2020

I ricercatori di Milano-Bicocca studieranno quale formula di didattica a distanza è la più efficace per trasformare la nuova sfida formativa in un’opportunità di innovazione e cambiamento.

4 team di ricerca

Quattro i team di ricerca che potranno contare sui numeri registrati dalla piattaforma per l’e-learning d’Ateneo, nel quale sono stati erogati più di 38mila video-lezioni; mentre oltre 410mila sono stati gli accessi alla piattaforma da parte degli utenti della comunità universitaria.

Le lezioni a distanza saranno studiate al meglio per sopperire alla mancanza della presenza fisica e all’interazione con le classi. Questa sperimentazione è una sfida e potrà diventare “un modello di integrazione tra didattica d’aula e a distanza, un’opportunità preziosa di cambiamento per riscrivere la formazione del futuro”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Le questioni da analizzare

Primo problema: qual è la durata ideale di una lezione e come dovrebbe essere costruita per mantenere viva l’attenzione degli studenti?

E poi, quali sono le qualità dei processi di insegnamento e apprendimento? Lezioni digitali o in presenza: come cambia l’apprendimento degli studenti?

Infine verranno mappate  le più comuni difficoltà nelle competenze relative alla didattica digitale e nella gestione degli aspetti interattivi; di verificare le variazioni in termini di motivazione allo studio degli studenti e alla didattica per i docenti e della predisposizione di un piano formativo, anche attraverso tutorial, per i differenti profili di docenti, provando ad essere di supporto anche per quelli meno esperti.

Preparazione concorso ordinario inglese