Home Politica scolastica M5S: nessuna risposta del ministro su caos mobilità-concorso

M5S: nessuna risposta del ministro su caos mobilità-concorso

CONDIVIDI
  • Credion

Lo rende noto l’On. Silvia Chimienti, deputata pentastellata e responsabile scuola del movimento 5 stelle.

Sul portale d’informazione politica movimento5stelle.it si legge:

Icotea

“Una paginetta completamente priva di contenuti e risposte. Questa è stata la risposta del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini rispetto alla situazione caotica ed emergenziale nella quale si trova la scuola.

La scorsa settimana l’M5S aveva chiesto di audire il titolare del Miur in commissione Cultura alla Camera affinché riferisse riferire su quanto sta avvenendo in queste settimane. La sua replica è stata un insulto all’intelligenza, al Parlamento e ai diritti degli insegnanti e degli studenti prendiamo atto che Giannini risulta non pervenuta.

A questa richiesta il titolare del Miur ha dato una risposta che si commenta da sé: un documento di una pagina. Abbiamo letto quello che c’era scritto e dentro ci abbiamo trovato solo qualche dato generico che non chiarisce minimamente il quadro della situazione.

Tutto questo mentre nel Paese reale si susseguono e accavallano notizie su docenti “deportati” in giro per l’Italia, ritardi nei concorsi, errori nei trasferimenti, slittamento delle assunzioni con il rischio di avere una situazione ingestibile per l’inizio dell’anno scolastico, chiamata diretta di dirigenti che agli insegnanti chiedono di inviare un video di candidatura – a figura intera, perché per ragioni ignote il mezzo busto non sarebbe sufficiente.

E’ il quadro di questa estate calda per il mondo della scuola che, temiamo, proseguirà per tutto il mese di agosto.

Se a breve la situazione non dovesse mutare radicalmente e Giannini non raddrizzerà la barra, dal punto di vista politico per noi le conseguenze saranno fin troppo chiare”.