Home Attualità Matera 2019, un sito con gli itinerari progettati dagli studenti per gli...

Matera 2019, un sito con gli itinerari progettati dagli studenti per gli studenti

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sono 23 gli itinerari culturali pensati dalle scuole lucane per le scuole di tutta Italia che nel 2019 si recheranno in visita a Matera, Capitale europea della cultura, o in Basilicata.

Si tratta di un’iniziativa presentata nel corso dell’evento “Le scuole e il futuro aperto”, penultima tappa di avvicinamento al 19 gennaio 2019, giorno di apertura ufficiale dell’anno di Matera Capitale europea della cultura.

Dal 30 novembre prossimo, sarà possibile scaricare gli itinerari dal sito che il MIUR e la Fondazione Matera-Basilicata 2019 hanno progettato per raccogliere e promuovere le attività pensate per gli studenti.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il portale conterrà anche un blog con le esperienze dei ragazzi.

“Gli studenti coinvolti in queste attività – ha detto Bussetti – hanno dimostrato di avere a cuore il proprio territorio, di amarlo. Di volerne essere promotori, ambasciatori nel mondo. La scuola deve fare proprio questo: sviluppare identità e senso di appartenenza. Aprendo allo stesso tempo agli altri. Il gemellaggio con gli istituti della Sicilia e dell’Emilia Romagna è un chiaro esempio di questa propensione all’incontro e allo scambio che il sistema di istruzione deve incoraggiare. È così che formiamo cittadini attivi”.

Nel corso della mattinata sono stati poi presentati anche i sei progetti finalisti della fase regionale del Premio Scuola Digitale. A Matera questo mese si terrà anche una delle tappe di ‘#Futura’, l’evento itinerante del MIUR dedicato alla scuola innovativa che ha già mobilitato migliaia di insegnanti, studenti e cittadini nelle città che l’hanno ospitata.

Si è parlato anche di progetti come “19 archivi X 19 scuole”:19 istituzioni scolastiche lucane saranno abbinate a 19 archivi o collezioni del territorio che saranno digitalizzati anche con l’uso dei dati aperti per consentire nuove letture e analisi da parte degli studenti. Presentato oggi anche “Patrimonio in gioco”, il progetto che prevede l’utilizzo delle tecnologie e del digitale per la valorizzazione del patrimonio culturale. Parteciperanno 60 scuole lucane.

A conclusione dell’evento, Bussetti ha infine sottolineato che sui problemi della sicurezza dell’edilizia scolastica “stiamo lavorando per far sì che la scuola diventi una seconda casa per i nostri ragazzi”.

Preparazione concorso ordinario inglese