Home Personale Maturità 2019, le griglie di valutazione devono essere d’aiuto ai docenti

Maturità 2019, le griglie di valutazione devono essere d’aiuto ai docenti

CONDIVIDI

Il 19 febbraio il Miur ha pubblicato sul proprio sito le prove di italiano per permettere a studenti e professori di prepararsi in vista della maturità.

Le tracce pubblicate sono in tutto sette: due per la tipologia A (analisi e interpretazione del testo), tre per la tipologia B (il testo argomentativo) e due per la tipologia C (il tema d’attualità).

Icotea

Gli autori scelti come protagonisti delle prove sono Giovanni Pascoli, Elsa Morante, Claudio Pavone, Antonio Cassese, Carlo Rubbia, Giacomo Leopardi, Vittorino Andreoli.

Le simulazioni sono disponibili a questo indirizzo (clicca qui)

I professori sono liberi di scegliere quando far svolgere la simulazione, se oggi stesso o successivamente.  La prova è utile agli studenti ma anche ai professori, che si alleneranno così a correggere i testi.

È previsto che le prove non facciano media né sostituiscano altre verifiche periodiche.

Vota il sondaggio della Tecnica della Scuola

A tal proposito, La Tecnica della Scuola ha lanciato un sondaggio sulla propria pagina Facebook, per capire se effettivamente le simulazioni della prima prova sono risultate di gradimento ai docenti e se effettivamente possono essere realmente utili.

Griglie di valutazione più concrete

Proseguono le perplessità manifestate dai docenti in merito alle griglie di valutazione. Queste, infatti, come abbiamo spiegato in precedenza, non sembrano essere molto valide ma soprattutto d’aiuto, in quanto il Miur ha solo dato gli indicatori generali, lasciando ai docenti e alle commissioni d’esame il compito di dettagliare i descrittori.

Tuttavia, abbiamo già riportato un validissimo esempio di griglie di valutazione ad opera   della prof.ssa Marina Petrone, docente presso il Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” di Napoli, che ha voluto condividere con la comunità dei lettori de La Tecnica della Scuola il lavoro svolto, con i colleghi, sulle griglie di valutazione per la prima prova della nuova maturità sulla base degli indicatori forniti dal Miur.

Oltre alle griglie – una per ciascuna tipologia prevista – è stata predisposta una tabella di conversione punteggio/voto.

Modelli disponibili in formato PDF e WORD

È un lavoro che segue i criteri ministeriali, elaborato in forma chiara e leggibile su una facciata.

Sarebbe opportuno, a questo punto, che il Miur raccogliesse gli esempi più validi e funzionali per offrire a docenti e commissioni almeno una possibilità di scelta collaudata e sicura, evitando il proliferare di modelli astrusi e complicati che neppure conducono a un risultato omogeneo.

Le novità della maturità

Tutto sulla maturità (clicca qui)

Voti

Il punteggio finale resta in centesimi: il credito scolastico, calcolato sugli ultimi tre anni, arriva fino a 40 punti a cui si aggiungono massimo 60 punti con le 3 prove, massimo 20 per ciascuna.

Il punteggio minimo per superare l’esame resta 60 punti.

La Commissione d’esame può integrare il punteggio, fino ad un massimo di 5 punti, se il candidato parte da un credito scolastico di almeno 30 punti e da un risultato delle prove di esame di almeno 50 punti.

LEGGI ANCHE

Maturità 2019, prima prova: un esempio di griglia di valutazione [PDF]
Maturità 2019, cambiano le prove, ma non i compensi alle commissioni
Maturità 2019, i divieti di nomina per presidenti e commissari
Maturità 2019, cambiano i criteri di nomina per presidenti e commissari
Maturità 2019, il nuovo esame spaventa i ragazzi: “Si può comprare il diploma con il bonus?”
Maturità 2019, scopri la seconda prova che ci sarà nella tua scuola
Maturità 2019, da febbraio al via le simulazioni delle prove scritte
Maturità 2019, latino e greco per la seconda prova del liceo classico
Maturità 2019, così cambia l’orale. Tutte le info
Maturità 2019, matematica e fisica per la seconda prova del liceo scientifico
Maturità 2019, il credito scolastico va indicato già a fine quadrimestre
Maturità, tutte le novità con la guida della Tecnica della Scuola [VIDEO]