Home Archivio storico 1998-2013 Generico Memoria collettiva della Shoah

Memoria collettiva della Shoah

CONDIVIDI
  • GUERINI


La International Task Force è un organismo fondato a Stoccolma nel 1998 su iniziativa svedese, con lo scopo di promuovere nei Paesi membri, che attualmente sono 16 (Argentina, Austria, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Israele, Italia, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Stati Uniti d’America, Svezia, Ungheria), e in altri associati, attraverso progetti di partenariato, iniziative culturali, didattiche e accademiche dirette a mantenere viva la memoria collettiva della Shoah evidenziandone l’unicità nel contesto della sofferenza universale e promuovendo studi e ricerche sull’argomento specifico nonché sui correlati temi dell’antisemitismo e del razzismo.
La presidenza dell’International Task Force for Cooperation on Holocaust Education, Rememberance and Research è affidata, a rotazione, ai diversi Paesi che la compongono. Da febbraio 2004 a febbraio 2005 il compito spetta all’Italia, che successivamente cederà la presidenza alla Polonia. Sulla base di questa scelta, con decreto n. 5450 del 28/8/2003, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha costituito, d’intesa con il Ministero degli Affari Esteri, la Delegazione italiana dell’International Task Force, che ha sede presso il Miur ed è presieduta dall’ambasciatore Giorgio Franchetti Pardo.
Inoltre, è stato costituito un Comitato Scientifico che ha il compito di svolgere un’azione consultiva, di carattere culturale e accademico, riguardo alle attività della "task force".