Home Archivio storico 1998-2013 Generico Mobilitazione generale proclamata da Cgil, Cisl e Uil

Mobilitazione generale proclamata da Cgil, Cisl e Uil

CONDIVIDI


I sindacati confederali rompono gli indugi e dichiarano ufficialmente aperto l’autunno caldo della scuola. Con un comunicato diramato nel pomeriggio del 28 settembre le segreterie nazionali di Cgil-FLC, CislScuola e UilScuola proclamano lo stato di mobilitazione del personale della scuola e preannunciano fin da ora uno sciopero nazionale dell’intera categoria per la prima decade di novembre.
"Le segreterie nazionali – si legge nel comunicato – rivendicano l’apertura immediata della trattativa contrattuale, più investimenti per la scuola pubblica, la salvaguardia degli organici, le immissioni in ruolo su tutti i posti vacanti e disponibili".
Ovviamente la protesta riguarda anche la riforma della scuola e altri provvedimenti legislativi in via di definizione; oltre a ribadire il proprio giudizio negativo sulla legge n. 53, i sindacati parlano anche di "rifiuto della proposta di tutor definita dall’Atto di indirizzo che gerarchizza la funzione docente e rompe la collegialità"; e poi ci sono "l’opposizione alla proposta di devolution della scuola alle regioni e la netta contrarietà a qualsiasi intervento legislativo di definizione dello stato giuridico del personale della scuola".
Per quanto riguarda gli aspetti più strettamente contrattuali, le richieste si possono così riassumere:

  • incremento retributivo per il biennio 2004/2005 pari all’8% per il personale docente ed Ata;
  • emanazione dell’atto di indirizzo e definizione degli stanziamenti necessari per il contratto dei dirigenti scolastici, scaduto il 31 dicembre 2001;
  • blocco di qualsiasi tentativo di revisione degli automatismi stipendiali;
  • immissioni in ruolo di docenti ed ata su tutti i posti vacanti e disponibili.

    Ma i sindacati mettono le mani avanti anche rispetto a norme che non esistono ancora ma che sono in discussione in Parlamento: regionalizzazione del sistema di istruzione e definizione per legge dello stato giuridico del personale della scuola.
    Cgil, Cisl e Uil preannunciano un ampio programma di iniziative: dal 7 al 19 ottobre assemblee sindacali in tutte le scuole, dal 20 al 28 ottobre scioperi di un’ora articolati a livello regionale secondo il seguente calendario
    :

    Icotea
  • 20 ottobre (Basilicata – Friuli)
    21 ottobre
    (Toscana – Puglia – Marche)
    22 ottobre
    (Emilia – Umbria – Abruzzo – Lazio)
    23 ottobre
     (Sicilia – Piemonte – Molise)
    25 ottobre
    (Lombardia – Calabria)
    26 ottobre
    (Veneto – Sardegna)
    27 ottobre
    (Liguria)
    28 ottobre
    (Trento – Bolzano – Valle D’Aosta)

    In Campania lo sciopero è previsto per il 15 ottobre, in concomitanza con una analoga iniziativa già promossa dalle segreterie regionali.

  • Per il 29 ottobre è prevista una giornata di mobilitazione generale con astensione di tutto il personale da ogni attività non strettamente necessaria.
    Infine, come già detto in apertura, per la prima decade di novembre è proclamato uno sciopero nazionale dell’intero comparto.