Home Archivio storico 1998-2013 Notizie dagli Atenei Nanotecnologie applicate al problema mondiale della purificazione dell’acqua

Nanotecnologie applicate al problema mondiale della purificazione dell’acqua

CONDIVIDI
webaccademia 2020
Definire una precisa strategia di ricerca di eccellenza nel campo delle nanotecnologie e promuovere l’applicazione innovativa di alcune classi di nanostrutture al problema mondiale della purificazione dell’acqua. È in quest’ottica che, nell’ambito del progetto “Water” saranno illustrati domani, venerdì 25 gennaio alle 15, nell’aula magna del dipartimento di Fisica e Astronomia, il contesto in cui opererà il nuovo programma quadro europeo di finanziamento alla ricerca, Horizon 2020, e le opportunità offerte a università, enti di ricerca e imprese.
“È strategicamente necessario prepararsi all’appuntamento con Horizon 2020 – spiegano i ricercatori del progetto ‘Water’ (Winning Applications of Nanotechnology for resolutive Hydropurification) – e promuovere la partecipazione delle professionalità locali a iniziative europee”. Un impulso questo che proviene dal gruppo di ricerca catanese del Consiglio Nazionale delle Ricerche che opera al Dipartimento di Fisica dell’Università di Catania e che ha già visto l’approvazione della Commissione Europea nell’ambito del VII programma quadro con un finanziamento di 4 milioni di euro. Il gruppo etneo, in particolare, è stato giudicato “eccellente” nel campo delle nanotecnologie e Water si è classificato al nono posto con un punteggio di 14.5/15 su 204 progetti che avevano passato la soglia di 10/15, unico con capofila italiano tra i primi 21 finanziati.
“L’azione prevede, oltre all’attività di ricerca, all’acquisto di nuove attrezzature e all’assunzione di giovani ricercatori, molteplici iniziative relative all’accrescimento delle professionalità locali, al rafforzamento dell’impatto economico e sociale del Cnr sul territorio e ad una profonda integrazione europea del gruppo proponente. Il progetto mira infatti ad una forte integrazione tra strutture di ricerca, enti locali e tessuto economico produttivo: «Il Comune di Aci Castello e l’Area Marina Protetta Isole Ciclopi, oltre ad alcune imprese locali (NewEcotecnica Sud) e nazionali (Atlas Filtri) e il Centro per il trasferimento tecnologico dell’Università di Catania (Capitt), ricoprono ruoli di primo piano tra i partecipanti al progetto”. Water si avvale inoltre del supporto di prestigiosi partner accademici europei come l’Università norvegese di Oslo e britannica di Sheffield, il Centre National de la Recherche Scientifique francese, il Consejo Superior de Investigaciones Scientificas spagnolo e il Versuchs und Lehranstalt für Brauerei tedesco.

Le prospettive e opportunità di Horizon 2020 in questo settore saranno illustrate dal coordinatore del Progetto, Vittorio Privitera, dell’Istituto di Microelettronica e Microsistemi del Cnr di Catania, alla giornata intervengono il direttore del Dipartimento Antonio Insolia, Salvatore La Rosa (Miur – Dipartimento per l’Università, l’Afam e la Ricerca), Anna D’Amato (Cnr, Ufficio Arie), Filippo D’Arpa (Distretto Tecnologico Sicilia Micro e Nano Sistemi) e Giovanni La Via (deputato Parlamento europeo, relatore generale Bilancio Ue).

Preparazione concorso ordinario inglese