Home Archivio storico 1998-2013 Generico Non piace ai sindacati la scheda “fai da te”

Non piace ai sindacati la scheda “fai da te”

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Anche se in tono minore, complice forse il clima semivacanziero del "ponte dell’Immacolata" , la circolare 85 con cui il Miur impartisce disposizioni in materia di valutazione degli alunni ha già provocato l’ormai consueta sollevazione di associazioni e sindacati. Ma cosa prevede in concreto la circolare ?

Intanto va detto che il provvedimento del Ministero è ampio ed articolato (con i diversi allegati si superano complessivamente le 30 pagine).

Il nocciolo dell’intera questione, però, può essere così sintetizzato: a partire da quest’anno il Ministero non fornirà più i modelli di schede personali già pronti alle scuole che dovranno provvedere in proprio.

Non solo, ma la circolare precisa che ciascuna scuola potrà decidere autonomamente come costruire la propria scheda e quali criteri di valutazione adottare.

Alessandro Ameli, coordinatore nazionale della Gilda, parla esplicitamente di "baraonda certificativa" e denuncia: "L’abbandono della uniformità certificativa a livello nazionale non è stato mai avanzato o preteso dalle scuole autonome e tantomeno dagli operatori del sistema; in questo modo si toglie ogni forma di valore oggettivo e riconoscibile alle certificazioni delle scuole;  in breve i titoli rilasciati da ogni singola scuola, autonomamente elaborati, non potendo essere più comparabili fra loro, non saranno semplicemente più riconosciuti ed accettati".
E conclude: "Si sta percorrendo rapidamente la strada dell’abbandono del valore legale del titolo di studio".

Sulla stessa lunghezza d’onda si erano espressi già nei giorni scorsi i sindacati confederali. Cgil-FLC – con un comunicato del 6 dicembre – rincara la dose affermando che il Ministro "scarica sulle scuole responsabilità che non sono di loro pertinenza ed aumenta inopinatamente i carichi di lavoro e del personale docente con la predisposizione e la compilazione di una quantità enorme di documenti (scheda, portfolio, attestato, certificazione…) e del personale ATA con la duplicazione degli stessi".

Altra nota dolente riguarda la questione dei costi che le scuole dovranno sostenere per produrre in proprio la scheda personale dell’alunno: anche su questo i confederali sono concordi e protestano per l’aggravio di spesa a carico delle casse ("già semivuote", aggiunge Cgil) delle scuole stesse.

In realtà la "battaglia" della scheda è solo all’inizio; a partire dai prossimi giorni i collegi dei docenti saranno chiamati al delicato compito di predisporre un proprio modello e a quel punto i problemi si moltiplicheranno.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese